Anziane sequestrate e rapinate in casa o in ascensore

La spesa al mercato di Terralba, due chiacchiere con le amiche pensionate, il rientro a casa in via Manuzio. Per un'anziana di 85 anni quella di ieri doveva essere una mattina come tante. Invece, un giovane sudamericano l'ha inseguita per strada, l'ha raggiunta dal portone di casa e, con una scusa, è riuscito a salire sull'ascensore con lei. Una volta nella cabina il giovane ha terrorizzato e minacciato l'anziana di non urlare. Le ha rubato parte della spesa e quello che aveva di prezioso. Prima le ha tolto gli orecchini d'oro dai lobi delle orecchie. Poi ha rovistato nella borsetta e ha tentato di sfilare dalle dita un paio di anelli d'oro. Quando l'ascensore si è fermato a un piano, forse disturbato da un vicino di casa, l'extracomunitario è fuggito senza lasciare tracce.
Analogo e grave episodio è avvenuto anche in via Linneo, a Rivarolo. Due uomini con una scusa si sono fatti aprire la porta di casa da una 87enne. Una volta all'interno, hanno malmenato e imbavagliato l'anziana, bloccandola al letto con del nastro adesivo. Sono poi fuggiti rubando oro e preziosi per poche migliaia di euro. La stessa pensionata è riuscita successivamente a liberarsi e a dare l'allarme. Davanti ai poliziotti che l'hanno soccorsa non riusciva neppure a ricordare il proprio nome.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento