Ecco cosa dichiara il consigliere regionale

(...) ha la passione delle due ruote. E mentre dichiara 117.929 euro di guadagno, segnala anche di aver acquisito la proprietà di una «Moto Piaggio 125, 11 watt» (e dagli!), anno di immatricolazione 2007. Non una fuoriserie, a quanto pare, ma sicuramente in grado di portare il centauro a destinazione, casa o sede della Regione, visto che Rossetti non è fra i più assidui a servirsi delle auto blu. Molto diligente, anche per dare il buon esempio ai colleghi, nella compilazione del modello Unico/2012 (e, quindi, relativo ai redditi dell'anno precedente) è anche il presidente dell'assemblea legislativa regionale, Rosario Monteleone, Udc. Che mette nero su bianco gli introiti annuali al centesimo - 171.469 euro - e la partecipazione praticamente esclusiva, il 99 per cento delle quote, nella società «Monto PP».
Queste e altre notizie e curiosità si possono dedurre - a fatica - dalla lettura del «Bollettino ufficiale della Regione Liguria» che, ai sensi di legge, è un documento pubblico, in nome della trasparenza. Solo che, per ricavarlo, bisogna armarsi di un pc, di tanta pazienza e, magari, non avere altro da fare per almeno qualche ora. È l'unico modo per consultare in profondità i dati che, in maniera sintetica, erano stati comunicati nei giorni scorsi a un solo giornale. La lettura è interessante, purché si mantenga - attenzione! - il senso critico, evitando il qualunquismo da «guardoni del gossip» e le valutazioni tipo: «Guarda questi quanto ci costano». Anche perché, dal modello Unico, non è che vengano fuori arricchimenti improvvisi e stratosferici. Anzi, la maggior parte dei membri dell'assemblea si limita alle due formule di rito: «Nulla è variato nella propria situazione patrimoniale, rispetto a quanto già documentato in adempimento dell'articolo 3 della legge regionale 30/12/1982, numero 43», e «il sottoscritto dichiara che il proprio coniuge e i propri figli non hanno acconsentito alla pubblicità della loro situazione patrimoniale e della dichiarazione dei redditi». Non è un bavaglio alla trasparenza, ma insomma...
Corretto, dunque, riportare i nomi di chi, invece, ha consorte e/o figli che hanno acconsentito (tra parentesi il reddito): Alessandro Benzi, Federazione della sinistra (117.316 euro + 7.501 del coniuge); Giacomo Conti, Fds (117.289 + 35 del coniuge); Maurizio Torterolo, Lega (103.553 + 24.933 del coniuge, con cui ha diviso la proprietà di 5 aree fabbricabili a Carcare); Giovanni Barbagallo, assessore (128.423 + 75.908 del coniuge).
A proposito: fra i «non acconsentiti», si dà il caso originale di Marylin Fusco, ex assessore, ex Idv, ora «Diritti e libertà», che denuncia 131.182 euro, ma «dichiara che il proprio coniuge non ha acconsentito ecc.». Ma come? Il coniuge risponde al nome di Giovanni Paladini, deputato e, quindi, è tenuto a presentare obbligatoriamente la propria dichiarazione dei redditi. Par di capire: quello che si sa a Roma non si deve sapere in Liguria? Boh. Procediamo: Valter Ferrando, Pd, denuncia 126.242 euro e la proprietà di «terreni in località Nervallo e 8 superfici cat. C6 in via Romana di Voltri»; Marco Melgrati, Pdl, 231.315, «il 25 per cento delle quote di Adamaria Sas, una Volkswagen Cabriolet, 14 watt, del 1978, e una Alfa Romeo Giulietta Spider, 15 watt, del 1961»; Maruska Piredda, Idv, 117.869 e una «Fiat 500 1.2, 51 kilowatt, del 2008»; Stefano Quaini, Sel, 112.966, l'acquisto di una «Bmw 320 D, 116 watt, del 2008 e la vendita di una Mercedes Slk, 120 watt, del 2005; Lorena Rambaudi, Pd, 122.097 e la «comproprietà di un fabbricato A/3 Cl.1 in via Mignone a Savona»; Matteo Rosso, Pdl, 109.859 e la «comproprietà di un fabbricato in via Pellissier, condominio Cors, a Cervinia»; Nicolò Scialfa, Diritti e libertà, 115.115 e la «comproprietà di un fabbricato A/3 in via Miceli a Nissoria, Enna»; Gabriele Cascino, assessore, 156.412 e la «comproprietà di un fabbricato A/10 a Sanremo».
Le altre dichiarazioni: Roberto Bagnasco 175.906 euro; Lorenzo Basso 110.869; Michele Boffa 156.714; Francesco Bruzzone (il più «povero») 93.732; Claudio Burlando 142.653; Alessio Cavarra 116.809; Ezio Chiesa 148.142; Raffaella Della Bianca 135.926; Massimo Donzella 166.742; Gino Garibaldi 132.118; Roberta Gasco 127.833; Renzo Guccinelli 123.609; Marco Limoncini 117.700; Giancarlo Manti 115.106; Antonino Miceli 117.639; Claudio Montaldo 166.495; Luigi Morgillo 132.849; Raffaella Paita 130.248; Lorenzo Pellerano 116.629; Edoardo Rixi 126.189; Franco Rocca 136.573; Matteo Rossi 133.687; Alessio Saso 111.650; Marco Scajola 157.167; Sergio Scibilia 145.538; Aldo Siri 226.839. Infine, gli assessori: Angelo Berlangieri 132.157 euro; Giovanni Boitano 195.245; Renata Briano 130.981; Giovanni Vesco 132.432.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.