Gieffe, il vero reality è fuori dal reality

Lenka e Anca. Lisa e Annalisa. Carla e Carmela. No, non è un gioco di parole. Ma l’elenco della donne, anzi delle ultime donne - o di quelle che tali si spacciano - di George Leonard, il bell’imbusto del Grande Fratello tacciato di essere fedifrago, falso, millantatore e manipolatore di fanciulle. Che si chiamano tutte più o meno allo stesso modo (così non si confonde) e sono pure tutte quasi uguali: alte, magre, bionde e sexy. La cosa divertente sta nel fatto che molte di queste figure femminili si sono svelate per così dire nel «contorno» del Grande Fratello. Cioè nei programmi e sui giornali (soprattutto settimanali) che si occupano e in parte prosperano sullo show di Canale 5. Insomma il reality fuori dal reality. È già successo nelle edizioni passate, ma questa volta si è raggiunta l’apoteosi. Bastava guardare Pomeriggio Cinque di ieri, con George messo in mezzo a un tribunale televisivo con tanto di accusa e difesa. E quattro gnocche scosciate ad accusarlo di averle convinte a «cedere» a lui sostenendo di essere single e di volersi impegnare in un rapporto serio. Per far capire a chi non segue tutte le vicende del Gieffe, bisogna ricordare che Leonard prima di entrare nella casa di Cinecittà (da dove è stato eliminato una settimana fa) ha sostenuto di essere fidanzato, di vivere con la compagna Carla e con il loro figlio Dan. Poi, una per volta, prima Lenka e poi in ordine sparso le altre, le amanti sono andate in Tv, a Pomeriggio, Domenica e Mattino Cinque, a sbugiardare il riccioluto indossatore (è il mestiere di George) confermando le corna messe alla compagna. Ovviamente, con contorno di copertine e servizi sui settimanali di gossip. La Carla, che sarebbe la fidanzata ufficiale, dal canto suo ha prima sostenuto la grande unione con il compagno facendo pure pubblicare la foto del povero figlio di cinque anni (che purtroppo guarderà la Tv), poi ha riversato tutta la sua bile contro l’ormai ex compagno (ma i beni informati dicono che la loro unione era finita ben prima del Gieffe) sempre tramite rotocalco, nel caso specifico Visto. Per inciso, lui sostiene di conoscere biblicamente soltanto Lenka e taccia come millantatrici le altre.
In tutto questo vorticare di corna, c’è anche un finale di redenzione. George (che ha ben capito i meccanismi da melodramma della televisione) asserisce di essersi follemente innamorato di Carmela, sua compagna di reclusione nel Gieffe, dove è stato due mesi, di volerla sposare e di essersi pentito di tutte le malefatte precedenti. Addirittura le ha dato (rientrando per pochi minuti nella casa l’altro ieri sera) l’anello della madre in pegno d’amore. Insomma, se la storia del reality non ci tradisce, il matrimonio durerà qualche mese. Il tempo di farsi tanta pubblicità.
Mentre Carmela versa fiumi di lacrime per il suo George cui non riesce a stare lontana, Carla nega al padre di vedere il bambino (sempre tramite giornali) e le quattro bionde (di professione cubiste o indossatrici) imperversano nei talk di Canale 5. A domanda diretta fatta da noi nei corridoi Mediaset sia a Lenka sia ad Annalisa («come hai fatto a non accorgerti che quello ti prendeva in giro?») entrambe hanno risposto di essere state ingannate dalla sua dolcezza e premura. Mah... Intanto lui è riuscito a ottenere lo scopo di diventare il concorrente numero uno del Gieffe di quest’anno, surclassando la collega Veronica che passa da un uomo all’altro (ma solo baciandoli) e di cui non spuntano amanti vari fuori dalla Casa. E, a gongolare, ci sono anche i dirigenti di Canale 5: tra tradimenti, baci saffici (ci sono stati anche quelli) e promesse di matrimonio il Gieffe veleggia ancora su ascolti incredibili per uno show giunto alla decima edizione: lunedì sera ha totalizzato il 27,04 per cento di share con 6 milioni 216mila spettatori.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.