Giochino mondiale: scoprite dove Belen vuol tatuarsi la faccia di Maradona...

Ultime dallo stupidario del pallone: le maglie degli olandesi vengono dalla spazzatura, gli unici brasiliani rimasti sono i profilattici e i sudafricani non vogliono più andare a lavorare per vedersi le partite. Anche perchè ci sono tifose in bikini che...

Giochino mondiale: scoprite dove Belen vuol tatuarsi la faccia di Maradona...

Tutte scuse
Una vecchia zia malata, un guasto all'automobile, una febbre improvvisa, un appartamento allagato: per i sudafricani ogni scusa è buona pur di evitare il lavoro e seguire i Mondiali. Hanno calcolato che finora un terzo dei dipendenti è rimasto a casa, con un danno per l'economia nazionale di 73 milioni di euro. Gli azzurri invece per tornare a casa non sono riusciti a trovare neanche una scusa.

Strega per amore
Il Ghana si è preparato alla sfida contro l'Uruguay alloggiando in un albergo di 340 stanze di fronte al Casinò più importante del Sudafrica, una sorta di Las Vegas in cui Asamoah e compagni sono immersi 24 ore al giorno e dove si sentono i rumori delle slot-machine fino all'alba. Con l'Uruguay invece hanno pescato il Ciapanò.

Canta che ti passa
«Shosholoza», canto simbolo dei minatori sudafricani, colonna sonora dei mondiali di rugby 1995 vinti dagli Springboks, sta superando in termini di gradimento le vuvuzelas e il loro fastidioso frastuono. «Shosholoza» è una parola zulu che significa «fare spazio al prossimo». Anche Prandelli l'ha cantata per tutta la durata dei Mondiali.

Belle scoperte
L'hanno beccata prima in bikini e trucco rosso-giallo-nero a tifare Germania contro la Serbia, poi con lo stesso trucco ma verde-rosso a fare il tifo per il Portogallo contro la Spagna. I fotografi hanno scoperto una sconosciuta ma bellissima spettatrice fare il tifo per tutti pur di mettersi in mostra. Non si conosce la nazionalità della bellissima. A occhio pare non provenire dalle Isole Vergini.

Dispetti tra dei
Pelè non smette mai, ricambiato, di pizzicare Maradona. Ha detto infatti che per essere paragonato a lui, Diego avrebbe dovuto «imparare a giocare di testa e di destro, cose che non ha mai saputo fare». Con le mani invece non c'è mai stata partita.

Eco maglie
Olanda-Brasile è stata anche la sfida dell'ecosostenibilità. Le due nazionali infatti hanno in comune le maglie Nike prodotte con materiale ecocompatibile: quelle olandesi sono fatte di poliestere riciclato da 13 milioni di bottiglie di plastica altrimenti destinate alla discarica. Quelle del Brasile invece da un fiasco.

Colpi di testa
Un pullman inviato dal governo brasiliano ha cominciato a distribuire gratis in Sudafrica 30 mila profilattici per combattere l'Aids. Il primo l'hanno messo sulla testa di Felipe Melo.

Facci sognare
Belen Rodriguez

esulta per la sconfitta del Brasile con l'Olanda, sogna l'Argentina in finale e fa una promessa: «Se vinciamo i Mondiali mi faccio un tatuaggio con la faccia di Maradona, ma non dico dove». Si sospetta però sul Pibe...

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica