I Menarini inibiti cedono il Bologna

La Disciplinare ha inflitto tre mesi di inibizione a Francesca e Renzo Menarini, comminando una multa di 15 mila euro per aver violato l'articolo 1 del Codice di Giustizia Sportiva per i contatti con Moggi. La società ha poi annunciato la cessione dell'80 per cento delle quote

La Commissione Disciplinare Nazionale, presieduta da Sergio Artico, ha inflitto tre mesi di inibizione a Francesca Menarini e a Renzo Menarini ed ha comminato una multa di 15 mila euro al Bologna per aver violato l'articolo 1, comma 1 e 10, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva in riferimento ai contatti avuti con Luciano Moggi per raggiungere un accordo per il tesseramento di Ceravolo come Direttore Sportivo. Lo stesso Ceravolo è stato assolto. Nelle prossime ore verrà convocato il consiglio di Ammistrazione per assegnare il diritto di firma ad un uomo di fiducia in quanto i Menarini non possono operare. Il Bologna e i Menarini faranno ricorso alla Corte di Giustizia Federale. Ma intanto la società cambia proprietà, il Bologna calcio sta per passare di mano. Aktiva Spa, la società che detiene il 100% delle quote del club e che fa capo alla famiglia Menarini, ha fatto sapere sul sito rossoblù «di aver raggiunto un accordo di massima con il dott. Sergio Porcedda per la cessione dell'80% delle quote».
Le due parti «hanno dato mandato ai propri consulenti di redigere i necessari accordi contrattuali in vista della cessione che verrà formalizzata non prima dei prossimi 15 giorni».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti