Influenza Vaccini inutilizzati, i medici: «Non si scarichi su di noi la colpa del flop»

L’Influenza A non fa più paura. Anzi, non l’ha mai fatta più di tanto, visto l’enorme quantitativo di vaccini non utilizzati. Un vero e proprio flop delle vaccinazioni per il quale i medici di famiglia non vogliono fare la fine del caprio espiatorio. A Milano s'è fatto iniettare il vaccino solo il 2% di coloro che rientravano nelle categorie indicate dall’Asl: delle 800-900mila dosi messe a disposizione dalla Regione ne sono state somministrate soltanto 50mila. «Si è trattato di una pandemia davvero strana - dichiara Angelo Testa, neo presidente nazionale dello Snami (il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) - e mi domando a cosa sono serviti il grande spiegamento di forze e lo spreco indicibile di risorse. Adesso si vuole correre ai ripari, come? Svendendo le dosi di vaccino conservate? Vaccinando urbi et orbi? Oppure scaricando la responsabilità sui medici di famiglia?». Ed è proprio questo lo spauracchio dei camici bianchi. «Possiamo discutere su tutto - sottolinea il dottor Testa - ma sullo spreco di milioni di euro e sopra i nomi di chi ha favorito tale spreco non vi sono dubbi, vogliamo chiarezza. Il neo ministro ci faccia sapere se cifre e nomi che si leggono sui giornali sono attendibili e ci faccia sapere che provvedimenti intende prendere». In attesa delle risposte del ministro a dar torto ai medici di famiglia ed a difendere i vaccini ci pensa Fabrizio Pregliasco dell’Istituto di Virologia dell’Università degli Studi. «I medici di base - spiega - non sono aggiornati sulla prevenzione e pertanto non si sono vaccinati, anche se gli è stato chiesto di farlo per non essere malati durante la diffusione dell’Influenza A».

Commenti