Inter, tre punti da infarto grazie a Lucio e alla traversa

L’Inter non parla. Branca fa: «Ditemi voi perché?».

Settimana pesante, fisicamente e psicologicamente che finisce al 49’ del s.t. quando la palla calciata da Inler si stampa sulla traversa dopo la deviazione di Stankovic. Una parabola interminabile che toglie il fiato ma è un legno e l’Inter torna a correre. Non sarebbe stata una beffa oltre lo scadere perché il secondo tempo è dei friulani, e dopo l’ora di gioco l’Inter si ferma. Ma fino a quel punto la potenza della squadra nerazzurra aveva creato una voragine tra lei e il resto del campionato con tre gol belli e diversi, dalla distanza Balotelli, di potenza Maicon, di testa Milito. In mezzo due punizioni sempre dalla sinistra dell’immobile Handanovic che sfiorano il palo di destra della sua porta, Sneijder a giro, Balotelli di potenza. Gara fondamentale, di carattere. In tribuna con Mourinho squalificato accanto al fido Josè Manuel Ferreira de Morais, ci sono Muntari, Cambiasso, Samuel e Cordoba, squadra rivoluzionata sul prato, la sorpresa è Thiago Motta centrale difensivo, grande rischio perché l’ex genoano si perde, va costantemente soccorso e costringe Lucio a ripetere la prestazione superba di mercoledì con il Chelsea. Risveglio di Maicon che mette a soqquadro, c’è Mariga dal primo minuto e sono brividi, Stankovic solo muscolare, Balotelli strepitoso. Da segnalare il tridente vero, il lavoro di Zanetti e Sneijder, Milito al 15° gol stagionale. Poi tanta Udinese. Parte forte con Di Natale-Pepe e rientra in partita con un tempo da giocare. Entrambe reduci da un impegno infrasettimanale ma sul campo non si è vista la fatica, l’Inter sul tre a uno ha smesso di giocare e non è riuscita a congelare la partita ma restano i quattro punti di vantaggio sul Milan e quel gol di Maicon che chi ha giocato a pallone ha sempre sognato senza mai realizzarlo.

Commenti

Grazie per il tuo commento