Berlusconi: "Se mi arrestano, ci sarà una rivoluzione"

L'ex premier: "Possono controllarmi il telefono, mi hanno tolto il passaporto e possono arrestarmi, ma non ho paura"

Berlusconi: "Se mi arrestano, ci sarà una rivoluzione"

"Possono controllarmi il telefono, mi hanno tolto il passaporto e possono arrestarmi quando vogliono. Ma non ho paura, se lo fanno, ci sarà una rivoluzione in Italia e avrei immediatamente con me la grande maggioranza del paese alle prossime elezioni". Silvio Berlusconi, parlando alla radio francese Europe 1, torna ancora una volta a ribadire il suo pensiero e non molla. In Italia "non c’è stato un solo colpo di stato ma quattro, il colpo di stato c’è ogni volta che un paese non può essere governato dagli uomini eletti dal popolo", ha detto il Cavaliere. Che poi ha aggiunto: "Sono in campagna elettorale, stiamo cercando di convincere quei 24 milioni di italiani che non hanno ancora deciso di votare per la sinistra. Il governo non è più eletto dal popolo, il 24 maggio è il giorno in cui si voterà per l’Europa, chiediamo di avere la possibilità di avere lo stesso giorno elezioni per l’Italia". Ovviamente, ha spiegato l'ex presidente del Consiglio, "io non sarò candidabile - anche se voglio riuscire a ottenere una revisione di questa sentenza politica, assolutamente ingiusta - ma sarò ancora presidente del mio partito". Quanto al governo Letta, per l'ex premier, "non ha mantenuto le sue promesse". Angela Merkel? "Fa i suoi interessi, questa Europa ha voluto una politica che crea depressione e non sviluppo".


Silvio Berlusconi invité exceptionnel d'Europe... di Europe1fr

Commenti