Bevande gassate, si studia come tassarle

Il decretone Sanità, che presenterà il ministro Balduzzi, potrebbe contenere una tassa sulle bevande gassate con elevato contenuto zuccherino

Bevande gassate, si studia come tassarle

Una tassa di scopo potrebbe colpire anche le bibite gassate la cui ricetta - su un arco di tre anni - presenti un tasso di zuccheri eccessivo. La tassa avrebbe un valore di 250 milioni di euro l'anno ed è una delle ipotesi allo studio per rifinanziare il piano per le non autosufficienze, tra i programmi del ministero della Salute delineati nel Cdm di ieri.

L'ipotesi di tassare le bevande gassate era già stata vagliata in passato, tanto come metodo per recuperare fondi quanto come "monito" per una corretta alimentazione e non si esclude venga inserita ora nel decreto Sanità che il ministro Balduzzi dovrebbe presentare nel prossimo cdm.

Della questione si è iniziato a parlare ieri, in un incontro tra il ministro e gli assessori regionali alla Salute. Una decisione definitiva ancora non c'è.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti