Fisco, nessuna anticipazione del taglio delle tasse

Il ministero dell'Economia e delle Finanze ha specificato che "l’attivazione del fondo taglia-tasse non sarà anticipata" e "nel testo della delega fiscale approvato oggi dalla Commissione Finanze della Camera dei Deputati, il Fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale resta operativo dal 2014"

C'eravamo tanto illusi che il carico fiscale potesse subire una, seppur piccola, sforbiciata. Anche il premier Mario Monti ieri si era esibito in un balletto sulle tasse, prima aprendo "alla possibilità di individuare un percorso di riduzione della pressione fiscale" poi venendo rettificato dallo stesso Palazzo Chigi che in una nota precisava che nessun intervento sarebbe stato previsto per il 2013.

Adesso c'è la certezza: le tasse continueranno a gravare sul bilancio delle famiglie e delle imprese italiane. Almeno fino al 2014. Parola del ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha specificato che "l’attivazione del fondo taglia-tasse non sarà anticipata" e "nel testo della delega fiscale approvato oggi dalla Commissione Finanze della Camera dei Deputati, il Fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale resta operativo dal 2014".

A nulla sono valsi i richiami del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, il quale si era detto disposto a rinunciare agli incentivi in cambio di un alleggerimento del carico fiscale delle aziende. Niente da fare. Il grido d'allarme "Moriamo di tasse" del leader degli industriali rimane inascoltato.

Adesso rimane solo la speranza che a metà 2013 non piombi sulla testa degli italiani anche il fardello dell'Iva. Infatti, a partire dal secondo semestre del 2013 è previsto un aumento dell'imposta. Aumento che il governo proverà a evitare. Almeno stando alle dichiarazioni del ministro dell'Economia Grilli che, parlando delle misure contenute nel decreto sulla crescita, ha annunciato come la revisione delle agevolazioni fiscali-contributive e il nuovo patto tra fisco e contribuenti a cui sta lavorando il governo "potrebbero creare le condizioni per evitare l’aumento delle aliquote iva".

Considerando che i consumi continuano a calare e che il gettito dell'Iva nel primo semestre 2012 è diminuito dell'1,3% (pari a -913 milioni di euro) un ulteriore aumento dell'Iva produrrebbe effetti devastanti sull'economia italiana. Il calo del gettito Iva nei primi otto mesi dell’anno "è la prova del corto circuito rigore crescita di cui parlava nei giorni scorsi il presidente della Corte dei Conti Luigi Giampaolino", ha sottolineato il Codacons lamentando "una pressione fiscale esagerata sui ceto medio
bassi" che "si traduce in minor consumi e conseguentemente minor crescita, allontanando l’obiettivo di avere un rapporto debito/Pil al 60% in 20 anni"
.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gianni1950

gianni1950

Ven, 05/10/2012 - 19:43

questo governo di Monti è nato per creare tasse e non crescita. Le Banche sono salve e più forti di prima questo è stata la priorita del Caro tecnico Monti e il suo governo incapace di governare. Grazie Napolitano.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 05/10/2012 - 19:46

questo è un governo di pazzi scatenati incapaci di accorgersi del disastro economico che stanno causando: aumentando le tasse diminuiscono spaventosamente le entrate ed aumentano il debito pubblico: Monti è da internare

nino47

Ven, 05/10/2012 - 20:14

Solo dei deficienti potevano credere al messaggio montiano!!!

Ritratto di antonio vivaldi

antonio vivaldi

Ven, 05/10/2012 - 20:35

Fà male dirlo, ma a questo punto l'Italia non ha scampo. Fallirà, perchè da gennaio in poi vedremo tante altre aziende che non riapriranno più e quelle che resteranno in piedi dovranno fare i conti con una crisi ancora più profonda.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 05/10/2012 - 20:38

Fermatelo!!!

Il giusto

Ven, 05/10/2012 - 20:45

Lontani i tempi in cui la crisi non esisteva...