LA NORMA CHE INFIAMMA LA POLITICALa ministra Kyenge e gli immigrati: da Grasso alla Lega il fronte del no

Ad appiccare l'incendio è stato il neo ministro all'Integrazione Cècile Kyenge dicendosi pronta a mettere mano alle leggi che regolano la cittadinanza italiana e a cambiare le politiche migratorie. Da quando ha tirato fuori la questione dello «ius soli», in Italia si è scatenato un vespaio. La ministra nera ha trovato una fervida alleata nel presidente della Camera, Laura Boldrini che si è schierata apertamente a favore: «In Italia sarebbe veramente auspicabile rivedere la legge sulla cittadinanza - ha detto - e da lì sviluppare una normativa che sia all'altezza delle nuove sfide». La Kyenge è stata poi pesantemente contestata a Macerata, dove uno striscione che la invita «a tornare in Congo» è stato esposto fuori dalla sede locale di Forza Nuova. Dopo le barricate alzate dalla Lega Nord, anche il presidente del Senato Pietro Grasso ha sconfessato la Kyenge: «Starei attento a parlare di ius soli - ha spiegato la seconda carica dello Stato - perché il rischio è di vedere una gran quantità di donne venire in Italia a partorire solo per dare la cittadinanza ai propri figli». E la polemica continua.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 11/05/2013 - 10:53

Non spetta a me dire dove deve andare la congolese, visto che è maritata con un italiano che se la è presa in carico. Però osservo che non risponde a verità quanto da lei affermato sulla diffusione dello "ius soli" nella UE. Al riguardo concordo per la prima volta con Grillo: la norma deve essere votata in un referendum popolare, in quanto sarebbe da irresponsabili pensare di farla passare in via parlamentare ignorando la volontà popolare.

Altoviti

Sab, 11/05/2013 - 12:21

L'immigrazione distrugge anche l'immagine dell'Italia all"estero: perché venire in un paese dove è tanto facile essere attacato da un clandestino. Perché comprare prodotti italiani se è quasi solo per far lavorare immigrati. I prodotti si basanao su una pubblicità che si presenta un 'Italia bella, quella di prima. Non è più così/ L'italia si sta suicidando.

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Sab, 11/05/2013 - 12:27

La"ministra" va subito spostata ai trasporti, col preciso compito di trasportare i clandestini e chi non è clandestino, ma ha fatto reati, nel paradiso congolese da cui arriva

ABU NAWAS

Sab, 11/05/2013 - 12:38

A proposito dell’illusoria integrazione e dell’ambita Cittadinanza. Ci sarebbero dei piccoli particolari sui quali la Sinistra, sognando un milione di voti riconoscenti, sorvola sui grossi problemi di una incondizionata Cittadinanza anche ai musulmani osservanti. I musulmani osservanti si impegneranno mai a rispettare le Leggi Italiane, rinunciando esplicitamente alla “Sharia” , che notoriamente prevede : Poligamia, Infibulazioni, Segregazione delle Donne e metà diritti rispetto agli Uomini, Scolarizzazione solo nelle scuole Coraniche, Lapidazioni delle adultere, Decapitazioni di omosessuali, apostati/e, Mutilazioni a ladri/e, Fustigazioni in pubblico per abbigliamenti “occidentali”, ed altre amenità Islamiche?????? Sciocchezzuole!!!! Potremo almeno condizionare la concessione della Cittadinanza all’esplicito ripudio della “JIHAD”, (obbligo/diritto di ogni musulmano/a osservante, ossia quello di “immolarsi”, ogni qualvolta possibile, “giustiziando” Cristiani, Ebrei, Atei, per essere poi premiati/e nel Paradiso di Allah con 72 vergini) ??? Che Dio ci salvi da incondizionate Cittadinanze!!!

ABU NAWAS

Sab, 11/05/2013 - 12:42

A proposito dell’illusoria integrazione e dell’ambita Cittadinanza. Ci sarebbero dei piccoli particolari sui quali la Sinistra, sognando un milione di voti riconoscenti, sorvola sui grossi problemi di una incondizionata Cittadinanza anche ai musulmani osservanti. I musulmani osservanti si impegneranno mai a rispettare le Leggi Italiane, rinunciando esplicitamente alla “Sharia” , che notoriamente prevede : Poligamia, Infibulazioni, Segregazione delle Donne, Netà diritti delle donne rispetto agli uomini, Scolarizzazione solo nelle scuole Coraniche, Lapidazioni delle adultere, Decapitazioni di omosessuali, apostati/e, Mutilazioni a ladri/e, Fustigazioni in pubblico per abbigliamenti “occidentali”, ed altre amenità Islamiche?????? Sciocchezzuole!!!! Potremo almeno condizionare la concessione della Cittadinanza all’esplicito ripudio della “JIHAD”, (obbligo/diritto di ogni musulmano/a osservante, ossia quello di “immolarsi”, ogni qualvolta possibile, “giustiziando” Cristiani, Ebrei, Atei, per essere poi premiati/e nel Paradiso di Allah con 72 vergini) ??? Che Dio ci salvi da incondizionate Cittadinanze!!!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Sab, 11/05/2013 - 13:52

...Cècile Kyenge! I fatti di cronaca nera di questi ultimi giorni, che hanno visto extracomunitari clandestini sul suolo italiano, rendersi responsabili di efferati crimini, consiglierebbero alle competenti Istituzioni, se ci fossero ancora, ma ho i miei dubbi, di mettere in campo tutti quei provvedimenti, legali o da legalizzare, idonei ad assicurare ai nostri cittadini il sacrosanto diritto di poter circolare sul proprio suolo natio, senza il timore di essere assassinati. Esorto pertanto il Parlamento, il Governo e l'ordine Giudiziario, di smetterla di "combattersi" e, adoperarsi uniti, per la tranquillità e sicurezza degli italiani e stranieri regolari.

killkoms

Sab, 11/05/2013 - 16:16

@abù nawass,magari decapitassero qualche omosex del tavoliere che si batte per loro!

Azzurro Azzurro

Sab, 11/05/2013 - 17:23

immigrati a casa loro, grazie

marco46

Sab, 11/05/2013 - 19:58

Fuori dall'italia i picconatori, è arrivata l'ora di risbianchettare il paese. Altro che cittadinanza.

Borbone

Gio, 08/10/2015 - 00:55

Che dire, come non condividere chi mi ha preceduto, condivido pienamente con tutti voi, non aggiungo quello che vorrei dire a questa ministra con la m minuscola perché se lo merita, non dico più nulla altrimenti mi vengono a prelevare.Dimenticavo questo lo posso dire che queste ministre che si ricordassero quanto sfoggevano lo striscione ESSERE CLANDESTINI NON E' REATO, invece mi risulta se non vado errato che lo è!