Anche Mora fa ricorso: "Nessun reato nelle serate di Arcore"

Ricorso contro le condanne in primo grado anche per Lele Mora (nella foto) ed Emilio Fede per il processo Ruby bis, mentre è atteso anche quello di Minetti. Le serate ad Arcore - è la linea di difesa di Mora - potevano «presentare numerosi aspetti di immoralità e squallore, ma nessun reato». Erano solo «la base e l'occasione di una fase di conoscenza reciproca e di creazione di vincoli di simpatia o empatia fra le parti in gioco». Nel Ruby bis ha fatto appello anche la procura generale perché in primo grado ai tre imputati non sono state applicate le sanzioni pecuniarie.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Atlantico

Mer, 15/01/2014 - 09:51

Secondo Mora nelle 'cene eleganti' di Arcore potevano esserci "numerosi aspetti di immoralità e squallore" ? Ma allora Mora è diventato comunista anche lui ! Ma dove andremo a finire ! Sarà ricattato da D'Alema e Bersani !