Il pronto soccorso lo manda a casa Muore tre ore dopo

RomaMuore a sette mesi, tre ore dopo essere stato dimesso dall'ospedale con una diagnosi di banale influenza. Una tragedia tremenda consumata in una manciata di ore: una corsa disperata tra il pronto soccorso dell'ospedale di Chivasso, la casa del piccolo e poi di nuovo il ricovero in ospedale e il trasferimento al Regina Margherita di Torino. Purtroppo una corsa inutile perchè ilpiccolo è arrivato a Torino intubato ed in stato di shock ed è deceduto poco dopo. É stata probabilmente una sepsi meningococcica, una meningite, ad uccidere il piccolo dimesso dal pronto soccorso dell'Ospedale di Chivasso con una semplice terapia antibiotica e antipiretica.
Oggi l'autopsia aiuterà a capire quello che è successo. Intanto i genitori disperati hanno presentato denuncia ai carabinieri perchè vogliono capire «se i medici sono stati superficiali e se è stato fatto tutto il possibile per il nostro bambino». L'ospedale ha immediatamente avviato un'indagine interna ma Alberto Bonomi, direttore vicario del dipartimento Materno Infantile dell'ospedale di Chivasso, assicura che il pediatra che ha visitato e poi dimesso il bambino «è un medico di notevole esperienza». Il piccolo presentava febbere e gola arrossata e il medico «ha seguito i comportamenti che di solito si mettono in atto in presenza di un lattante con febbre». Intanto per tutti i familiari del piccolo è stata prescritta la profilassi antibiotica prevista in caso di meningite.

Commenti