Politica

Tavolazzi a Grillo: "Siamo in ritardo"

Il consigliere di Pizzarotti chiede a Grillo e Casaleggio di darsi una mossa: "Non ci sarete per sempre. Il movimento deve imparare a camminare con le proprie gambe"

Tavolazzi a Grillo: "Siamo in ritardo"

Prima l'espulsione dal Movimento 5Stelle, poi il posto nella giunta di Parma. Ma Valentino Tavolazzi guarda oltre e pensa già alle elezioni del 2013. Il consigliere di Pizzarotti scrive direttamente a Grillo: "Beppe, siamo in ritardo!", scrive. "La frittata è ancora sul fuoco, i miasmi nel M5S aumentano e sono sempre più insopportabili. Dopo la cantonata presa da Grillo su Ferrara e Cento, dopo l’intervento a gamba tesa di Casaleggio su Pizzarotti, per impedirgli di esercitare le sue prerogative di sindaco, ora c’è la scomunica non spiegata di Poppi a Modena".

"Da mesi - accusa Tavolazzi - si aggiunge danno a danno, con perseveranza non comune. I riflettori dei media sono sul M5S, ne hanno favorito l’ascesa nel consenso popolare (condizione necessaria ma non sufficiente per farlo maturare), ma ne hanno anche messo a nudo fragilità e deficit di democrazia interna. Mancano pochi mesi alle elezioni politiche e non sono ancora noti criteri e modalità per completare il programma nazionale del M5S e per la scelta dei candidati. Il portale è inadeguato ed il governo del Movimento nelle mani degli utenti della rete resta una frase vuota, scritta nel non statuto. Cosa andremo a fare in Parlamento? Sono i post sul blog di Beppe le nostre scelte politiche su economia, lavoro, affari esteri, diritti civili, welfare, bilancio dello stato, europa? Quando si comincia a produrre la politica nazionale del M5S in rete?".

Tavolazzi quindi chiede al movimento di darsi una mossa: "Centinaia di migliaia di cittadini non vogliono che il progetto politico M5S sia a scadenza come il latte (nel lungo periodo sì), nè un esperimento di marketing politico". Per questo Grillo e Casaleggio dovrebbero fare in modo che il non partito cammini con le sue gambe. "Prima o poi (spero tardi) loro non ci saranno più. Gli appuntamenti con la storia politica del paese incombono. Bisogna far crescere i cittadini che, in servizio civile e a tempo, andranno a fare i sindaci, i deputati, i consiglieri regionali ed i presidenti di regione. Pensate a tutto voi, Grillo e Casaleggio? O volete farvi aiutare dai cittadini cinque stelle?".

Commenti