Cronache

L’esperto: «No ai vaccini su internet»

«Attenzione ai vaccini cinesi contro l’influenza suina: a breve li troveremo su internet, possono essere pericolosi». Pietro Crovari, virologo di livello internazionale e docente di Igiene generale e applicata all’Università di Genova lancia l’allarme. «In casi come questi bisogna stare molto attenti alle procedure di produzione dei vaccini - spiega - che devono essere autorizzate dall’Enea e che durano un periodo minimo di 6 mesi». Lo specialista, che fin dall’inizio della prevista pandemia ha sempre voluto tranquillizzare i cittadini, si dice «sicuro che i cinesi si stiano già attrezzando per arrivare con il loro vaccino prima di quello occidentale, previsto in Europa per i primi di novembre». E continua: «Lo troveremo presto in vendita in internet. Il problema è che i loro criteri di qualità non sono ancora sufficientemente testati. È recente la disavventura con il vaccino per l’epatite A prodotto in Cina: in quasi 3.000 contrassero l’epatite». L’influenza A arriverà in Italia, «speriamo il più tardi possibile, ma arriverà. E colpirà tra i 12 e i 23 milioni di persone. »È un’influenza banale, che sarà curata per la maggior parte dei casi con le classiche cure del medico di famiglia.

Commenti