"Via tutti i crocifissi dalle scuole o mettete tutti i simboli religiosi"

Non si placa la polemica che ha coinvolto l'istituto comprensivo Ilaria Alpi di Favaro Veneto, nel veneziano. E Laicitalia considera il crocifisso: "emblema di sopraffazione".

"Via tutti i crocifissi dalle scuole o mettete tutti i simboli religiosi"

Torna a far polemica la scuola di Favaro Veneto, nel veneziano per il “presepe in classe sì, presepe in classe no”. E Laicitalia che chiede di mettere tutti i simboli religiosi nelle scuole, di certo non si può sentire. Anzi parlano pure di “viva apprensione per la presenza di crocifissi appesi alle pareti delle aule scolastiche”. E chissà se dopo i fatti accaduti a Strasburgo, la pensano allo stesso modo. Che ne so, magari mettendo nelle scuole accanto al crocifisso pure l’immagine di Maometto.

Cosa chiede Laicitalia? La richiesta, giunta ancora a ottobre scorso, è alquanto bizzarra ed è pervenuta all’ufficio scolastico regionale per il Veneto e alla direzione didattica dell’istituto comprensivo Ilaria Alpi. Un istituto di cui si è ampiamento parlato quindici giorni fa in quanto la dirigente dell’istituto comprensivo avrebbe vietato il presepe per mancanza di personale. Peccato però che la Regione Veneto abbia messo a disposizione un fondo per far sì che le tutte le scuole realizzino le loro natività. Non solo il consigliere regionale Gabriele Michieletto si era recato nelle scuola elementare del comprensivo in questione, donando un presepe, ma si è visto rigettare l'offerta. "Semplicemente - spiega al Giornale.it - ho appreso dalla stampa che la scuola non aveva intenzione di allestire il presepe e ho pensato di acquistarne uno e di donarlo ai bambini. Dono rifiutato".

La motivazione adottata dall’associazione Laicitalia è alquanto bizzarra. Si parla addirittura di diritti umani. “Richiesta di ottemperanza alla dichiarazione universale dei diritti umani”, si legge nell’oggetto della missiva.

“Alcuni cittadini – recita la lettera - hanno contattato la scrivente associazione manifestando viva apprensione per la presenza di crocifissi appesi alle pareti delle aule scolastiche”. Poi richiamando l'articolo 2 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e i diritti “senza distinzione alcuna, per ragioni (..:) di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione”, richiamando la Costituzione e la sentenza Corte Costituzionale, la numero 203/89 sul principio di laicità – l’associazione “chiede l’affissione alle pareti di tutti i simboli religiosi, o in subordine, la rimozione dell’unico simbolo religioso presente, in quanto emblema di sopraffazione sulle altre confessioni religiose”.

Quindi secondo Laicitalia il crocifisso sarebbe “emblema di sopraffazione”. E allora o tutti o niente. Cioè mettiamo tutti i simboli o altrimenti togliamo anche il crocifisso. Una lettera, spedita l’11 ottobre scorso, a cui la dirigente e l’ufficio scolastico forse presi da incombenze più importanti che mettere Maometto alle pareti, non hanno risposto e quindi l’associazione Laicitalia oltre al sollecito spedito in data 12 novembre scorso, ha scritto pure al difensore civico territoriale. “Constatato il silenzio della dirigente per un tempo di 30 giorni” e ribadendo in sostanza il concetto: affissione di tutti i simboli religiosi o rimozione dell’unico simbolo “emblema di sopraffazione”.

Anzi il presidente di Laicitalia Venezia, Ciro Verrati ha spedito anche una lettera all’assessore Elena Donazzan che da sempre combatte per mettere il presepe nelle scuole e che ha sposato in pieno l’iniziativa promossa da tre consiglieri del Centro Destra Veneto per istituire un fondo di 50 mila euro per la realizzazione dei presepi. “L’assessora – per noi assessore ndr - Elena Donazzan non ha ben recepito il significato di alcuni articoli della Costituzione. Ancora una volta si vuole imporre il personale pensiero con una iniziativa istituzionale, all’assessora interessa solo salvaguardare la “sua” tradizione cristiana, che non è la nostra, e che comunque non è contemplata sulla nostra Carta Costituzionale”.

Commenti