L'ex pm antimafia diventa attore: Giuseppe Ayala debutta alla Versiliana

Il magistrato interpreterà il recital-spettacolo «Chi ha paura muore ogni giorno», tratto dall'omonimo libro dedicato al maxi-processo contro Cosa nostra del quale è stato pubblico ministero. La pièce sarà l'evento di apertura del Festival

Diventa attore l'ex pm antimafia Giuseppe Ayala. Il magistrato, pubblico ministero nel primo maxi-processo a Cosa nostra - giudice a latere, in quel processo, era l'attuale Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso - sarà la voce narrante e interpreterà se stesso nello spettacolo «Chi ha paura muore ogni giorno», un testo tratto dal suo libro - «Chi ha paura muore ogni giorno» (Mondadori) - dedicato appunto a quello storico dibattimento, il primo che vide alla sbarra tutti insieme centinaia di boss di Cosa nostra, individuati dopo il pentimento di Tommaso Buscetta e le indagini condotte da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
Lo spettacolo debutterà la prossima estate in prima nazionale al trentunesimo Festival La Versiliana di Marina di Pietrasanta (Lucca). Al centro della pièce il rapporto con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i magistrati trucidati a Palermo il 23 maggio e il 19 luglio del '92 con le rispettive scorte. Nello spettacolo la voce di Ayala, narrerà questo pezzo di storia d'Italia con il maxi-processo a Cosa Nostra, le stragi, il dolore, la lotta all'illegalità. Il recital sarà diviso in tre sezioni: la prima dedicata a Borsellino e Falcone, la seconda al maxi-processo. Nella terza parte Ayala scenderà tra il pubblico per rispondere alle domande.
Uno spettacolo che farà sicuramente discutere. «Sarà una prima nazionale destinata ad impattare sul pubblico - ha annunciato il presidente della Fondazione La Versiliana, Massimiliano Simoni - lo spettacolo racconta un pezzo d'Italia che la giustizia ha tentato di correggere e combattere».

Commenti