Linkedin apre uffici fuori dagli Usa. Prossima l'entrata in Borsa

Il social network per professionisti è in crescita e sta accrescendo la sua presenza al di fuori degli Stati Uniti. Secondo indiscrezioni a breve sarà quotata in Borsa

Linkedin apre uffici fuori dagli Usa. Prossima l'entrata in Borsa

Usa - E' in crescita LinkedIn, il social network dedicato ai professionisti, e ha raggiunto da poco i 76 milioni di utenti. Recentemente, poi, ha aperto uffici al di fuori degli Stati Uniti, in India, Canada, Irlanda e Gran Bretagna. In base ad alcune indiscrezioni, ciò è dovuto a una prossima Ipo, l'offerta pubblica iniziale necessaria per la quotazione in Borsa.

Più della metà degli utilizzatori del sito, che si servono del portale per pubblicare curriculum, trovare un posto di lavoro e per socializzare con i colleghi, vive al di fuori degli Usa, ma LinkedIn, il cui presidente, Reid Hoffman, non ha mai escluso la possibilità di un eventuale Ipo, deve oggi dimostrare che ha in mano un business globale, non solo una base di utenti a livello mondiale. La strada verso l’Ipo per il sito di networking professionale LinkedIn passerebbe quindi soprattutto attraverso il consolidamento della propria presenza in altri Paesi.

Certo è che il 20% dei ricavi annuali di LinkedIn - circa 228 milioni di dollari nel 2010 secondo le previsioni- provengono da fuori dagli Stati Uniti, come ha dichiarato recentemente Jeff Weiner, amministratore delegato dell'azienda, e la percentuale è in crescita.

Commenti

Grazie per il tuo commento