L'Italia è la patria dei separati e dei divorziati

Nel nostro Paese ogni tre minuti e mezzo fallisce un matrimonio. Secondo gli esperti la ricetta per unire moglie e marito sta nel tradimento

In Italia ogni tre minuti e mezzo un matrimonio va in frantumi. Separazioni e divorzi sono in costante aumento e stanno facendo registrare un'escalation vertiginosa, quanto inquietante. Lo svela il sito Incontri-ExtraConiugali.com avvertendo che c'è una sola ricetta per riuscire a tenere la fede incollata al dito: il tradimento. Già, paradossalmente proprio le fameliche «corna», possono cementificare il rapporto tra moglie e marito. Il portale, infatti, basandosi su i dati Istat sostiene che il tradimento rafforza la relazione di coppia. Ma essere «scorretti», non basta e secondo le previsioni 146mila matrimoni entro la fine del 2012 sfoceranno in un divorzio o in una separazione.
Secondo il sito specializzato in incontri extraconiugali, questo triste record porta l'Italia al primo posto in Europa per numero di nozze infrante, seguita a ruota dalla Spagna con una rottura ogni 4 minuti e mezzo.
«La durata media del matrimonio in Italia è di 15 anni, ma circa un divorzio su cinque si verifica proprio nelle coppie sposate da meno di 5 anni» sostengono gli analisti di Incontri-ExtraConiugali.com. La tendenza per il Bel Paese mette in evidenza una crescita costante del numero di divorzi e una diminuzione del numero dei matrimoni: secondo l'Istat tra il 1998 e il 2008 il numero delle coppie che hanno concluso il rapporto coniugale è aumentato di una volta e mezzo (+50%), passando da 96.247 a 138.516 tra separazioni e divorzi. E in questo stesso lasso di tempo è sensibilmente diminuito il numero di matrimoni, passando da 280.034 a 246.613. Ma il crollo vero e proprio c'era stato tra il 2008 e il 2009: 230.613 fallimenti.
«Tuttavia nel 2012 i matrimoni saranno più stabili» sostiene Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com. Secondo l'esperto il diffondersi dei siti di incontri on-line riuscirà a determinare un'inversione di tendenza. «Portali come il nostro consentono di "fuggire" dalla monotonia, che è la prima ragione per cui i matrimoni oggi non durano - spiega Alex Fantini -. Di fatto, secondo i dati statistici raccolti da noi rivelano che il 58 per cento delle persone sposate dice di annoiarsi a letto, ma il 98 per cento dichiara anche di provare amore per sua moglie o per suo marito. La soluzione per salvare il matrimonio dunque è proprio quella di cercare altrove ciò che manca all'interno della coppia. Paradossalmente, infatti, una relazione extraconiugale può riuscire a rendere più solido il matrimonio e più stabili anche le coppie non ancora sposate».
La maggior parte delle persone che dichiarano di avere un amante, sostiene anche di non avere l'intenzione di lasciare il proprio partner. Ma con l'amante chi ha relazioni extraconiugali vive una sessualità più libera e trasgressiva: sperimenta posizioni meno tradizionali e luoghi insoliti e aggiunge un po' di pepe alla propria vita quotidiana, a beneficio anche della stabilità della famiglia.
E non è un caso allora se gli iscritti a Incontri-ExtraConiugali.com hanno un'età media compresa tra i 30 e i 50 anni e il 91 di questi è sposato o in coppia e solo il 9 per cento è single, separato o divorziato.

Commenti