Lotta alle zanzare, il Comune regala case per pipistrelli cacciatori

A Buccinasco vanno a ruba le bat box: il mammifero alato dorme di giorno nella sua tana e la notte esce per mangiare gli insetti

Di notte lavorano i pipistrelli. Di giorno le libellule. È una lotta tutta ecologica quella messa in campo da un comune del milanese contro le zanzare. Al punto che l'amministrazione ha deciso di regalare le bat box, le cassette per ospitare i pipistrelli, agli abitanti. C'è stato subito un boom di richieste. Tutti vogliono come ospite il piccolo mammifero alato a Buccinasco, paese nel Parco Sud, per contribuire alla lotta alle zanzare.
Il Comune non solo sta distribuendo i rifugi per i pipistrelli, ma ha anche organizzato per martedì prossimo un incontro con esperti biologi. A Buccinasco le bat box erano già state sistemate nei luoghi pubblici, come le scuole, e con buoni risultati. Le cassette, di 60 centimetri per 40, devono esere sistemate sui balconi, o comunque in un luogo fresco e all' aperto. Sarà poi il pipistrello, che ormai non trova più come una volta caverne o cavità e diventa preda di altri animali, a individuarle come abitazione. Ci dormirà di giorno e nelle ore notturne andrà a caccia di zanzare. Ne può mangiare fino a 2000 a notte.
Il padrone di casa non deve fare altro che garantire un po' di silenzio e pulire le cassette. Proprio per la questione del silenzio, a un asilo è stato detto di no. Il pipistrello non avrebbe potuto dormire tranquillamente di giorno. Finora sono state distribuite un centinaio di bat box. Il comune ne ha ordinate altrettante. Non è l'unico sistema ecologico usato a Buccinasco nella lotta alla zanzare. Sono state infatti acquistate o lasciate libere nelle risaie migliaia di larve di libellule, anche loro mangiatrici di zanzare, solo che di giorno.
«Siamo nel Parco Sud e quello della zanzare è sempre stato un grosso problema - spiega il sindaco Loris Cereda, a capo di una giunta di centrodestra - Certo non lasciamo nulla al caso e non ci affidiamo solo a sistemi ecologici: abbiamo infatti moltiplicato anche tutte le metodologie chimiche tradizionali». Alla gente comunque piace molto l'approccio ecologico, in molti hanno già battezzato il loro pipistrello. E c'è già chi spera nel lieto evento. Le bat box sono infatti a due piani, il primo per il pipistrello maschio, l'altro per la femmina. Cosa accadrà all'interno sono affari loro. Ma tra le indicazioni e i suggerimenti che i biologi daranno martedì ci sarà anche quello di cosa fare quando la bat box diventerà una nursery.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti