Lotta allo smog, il Comune finanzia i nuovi impianti termici

Pronto un bando da 2 milioni di euro per migliorare l'efficienza termica degli edifici. L'assessore Massari: "Un'altra iniziativa per migliorare la qualità dell'aria"

La lotta di Palazzo Marino allo smog continua con 2 milioni di euro investiti in un bando "per migliorare l'efficienza termica degli edifici". Le scuole, gli ospedali, i centri sportivi e ricreativi, ma anche le chiese e i musei di Milano potranno ricevere dal Comune fino a 200mila euro a fondo perduto per installare pannelli solari e fotovoltaici, sostituire caldaie o isolare il proprio edificio con un cappotto coibentante.
"La città - spiega l'assessore all'Ambiente Paolo Massari - ha problemi di inquinamento e di risparmio energetico. Io credo che l'inquinamento non si combatta solo sul fronte delle auto e del traffico". Ecco perché questo nuovo finanziamento da 2 milioni di euro per un programma destinato a ridurre le emissioni inquinanti tramite una maggiore efficienza energetica dei palazzi.
Il cofinanziamento comunale prevede due diversi capitoli di sussidio: un primo per cappotti, impianti solari o fotovoltaici e sostituzione caldaie che garantisce un contributo fino a 130mila euro e un secondo dedicato invece all'installazione di impianti di condizionamento estivo per un importo totale di 70mila euro. "Questo bando costituisce un tassello importante nel quadro strategico disegnato dal Piano clima del Comune - aggiunge Massari - per favorire il risparmio energetico e migliorare la qualità dell'aria in città. La strategia per un ambente migliore? Consumare meno, risparmiare e utilizzare energie alternative".
Il bando si può scaricare dal sito del Comune all'indirizzo www.comune.milano.it sotto la voce "bandi" in homepage e alla sezione "contributi". Le domande vanno consegnate all'ufficio protocollo di via Beccaria 19, dal lunedì al venerdì (ore 9-12).
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.