Con Max Gazzè a Ladispoli il concerto è eco-sostenibile

Con la tappa del suo «Tra l’aratro e la radio, tour» arriva a Ladispoli (piazza Rossellini) Max Gazzè che sarà domani in concerto, ore 21, all’interno della terza edizione dell’Etruria Eco Festival. Una rassegna all’insegna dell’ecosostenibilità che è diventata, anno dopo anno, un festival musicale e multimediale di primaria importanza nel cartellone delle iniziative del litorale a Nord di Roma. Fra Cerveteri (dove si è appena conclusa la prima parte) e Ladispoli, il festival ha un duplice obiettivo: promuovere le realtà emergenti musicali e artistiche del luogo e sensibilizzare su salvaguardia ambientale e tutela del territorio. Al centro della manifestazione le tematiche ambientali, la salvaguardia dei diritti e la scoperta delle nuove tecnologie dell'ecosostenibilità. Per questi motivi l’Etruria Eco Festival riceve il contributo di molte associazioni operanti nel settore ambientale come Green Peace, Fare Verde e Rete Nazionale Rifiuti Zero, nonché Amnesty International e Slow Food. E dunque, musica, arte, informazione e divertimento dedicato all’ambiente dal 4 al 6 settembre saranno protagonisti nella piazza Rossellini di Ladispoli.
Impatto zero, ma anche costo zero per quanti desiderano partecipare. L’ingresso al concerto di Max Gazzè infatti, così come Razmataz il 5 e Piotta il 6, sarà gratuito. Accanto a questi nomi, altri concerti di musicisti emergenti apriranno e chiuderanno le serate. Fra loro band come i Riverso (che apriranno il concerto di Gazzè) e poi Frangar non Flectar, Strà, Puzle, Good Luck 23, Valid Reason, Starlette, Kaion, Breathless, Circo Baumann e Senza Fissa Dimora. L’occasione, dunque, per chi ama il rock e la musica italiana indipendente per scoprire e lasciarsi suggestionare dai suoni di nuovi talenti musicali che difficilmente troveranno spazio nei vari «talent show» televisivi.
Ad aprire la parte ladispolana della manifestazione sarà dunque il cantautore romano Max Gazzè che porta in tour «Tra l’aratro e la radio», il suo ultimo disco. L’idea centrale intorno a cui il musicista ha arrangiato i pezzi in scaletta è la costruzione di una dinamica dello spettacolo che parta dai concetti espressi nelle canzoni, piuttosto che dal loro impianto musicale. Gazzè proporrà anche brani raramente ascoltati dal vivo quali «Eclissi di periferia», «L’origine del mondo» e «Del tutto personale».
La scenografia è originale e vedrà sul palco grandi riproduzioni iconografiche degli etruschi, insieme a gigantesche sculture stilizzate. Sul palco con Gazzè e il suo basso saranno Santi Pulvirenti e Giorgio Baldi alle chitarre, Clemente Ferrari ai sintetizzatori e rodhes, Puccio Panettieri alla batteria e Giorgia Costanzo, che oltre ad essere la seconda voce del gruppo suona anche percussioni e vocoder.

Commenti

Grazie per il tuo commento