Arresti in aumento, salgono del 7%

Quasi 3mila in manette. Crescono anche i fermati senza patente

Valentina Gioia

In vista del 166esimo anniversario della fondazione della polizia di Stato, prevista per le 18.30 di stasera in piazza Duca d'Aosta, sono stati divulgati i dati di rilevazione sulle attività di contrasto alla criminalità condotte nei primi tre mesi del 2018. Il rafforzamento dell'attività di controllo della polizia sul territorio di Milano ha consentito di fissare un bilancio sui fermi e le denunce dall'1 luglio 2017 al 31 marzo 2018. Tra i dati presentati, rispetto al periodo di riferimento dell'anno precedente gli arresti sono cresciuti del 7% passando da 2.750 a 2.939 mentre le denunce sono calate dell'11% scendendo da 11.381 a 9.547. Trend in discesa anche per il controllo dei documenti passato da 59.877 a 34.570 con una percentuale del 42% come pure dei soggetti controllati passati da 266mila a 240mila (-10%) e dell'accertamento ai veicoli calato da 64mila a 57.374 (-10,3%). Lievitati anche i controlli amministrativi, passati da 325 a 385 e che hanno determinato un aumento dei provvedimenti di fermo per guida senza patente e di sequestro del veicolo per mancanza della copertura assicurativa.

La cerimonia celebrativa di stasera, verrà preceduta in mattinata all'interno della questura, dalla deposizione della corona alla lapide ai caduti e si aprirà con la lettura dei messaggi del presidente della Repubblica, del ministro dell'Interno e del capo della polizia.

Alla presenza del sindaco Giuseppe Sala, del prefetto di Milano, Luciana Lamorgese, del prefetto di Monza e Brianza, Giovanna Vilasi, il questore di Milano, Marcello Cardona e il vice capo della polizia, Alessandra Guidi premieranno i poliziotti che si sono maggiormente distinti «per la bravura, il coraggio e l'umanità».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.