"Circondati e ripetutamente minacciati", la denuncia della Lega al campo nomadi

Minacciati e quasi aggrediti dai nomadi dell'insediamento via Negrotto a Milano, gli esponenti della Lega ora chiedono a Sala che venga chiuso

Disavventura per la delegazione della Lega che nelle scorse ore si è recata nel campo nomadi di via Negrotto a Milano, dove gli esponenti del partito di Matteo Salvini sono stati aggrediti. A raccontare la vicenda è stato il commissario cittadino della Lega Salvini Premier, Stefano Bolognini, che si era recato in loco insieme al capogruppo della Lega nel Municipio 8, Enrico Salerani e ad alcuni cittadini. "Durante un sopralluogo del tutto legittimo, i nomadi di via Negrotto ci hanno minacciato e hanno cercato di aggredirci, il campo va chiuso, punto", ha commentato Stefano Bolognini una volta terminato il sopralluogo. Fondamentale l'intervento della polizia.

Il commissario cittadino ha raccontato che, mentre si trovava all'interno dell'insediamento per denunciare la situazione di degrado ben nota, "almeno una ventina di nomadi ci hanno circondato e ci hanno ripetutamente minacciato. Solo la presenza della Polizia, che ringrazio per la professionalità dimostrata, ha evitato il peggio". Le forze dell'ordine hanno evitato che la situazione degenerasse ma il clima di quel campo nomadi, così come di tanti altri della periferia milanese, è sempre più teso. Stefano Bolognini è categorico: "Questo campo nomadi è un centro di illegalità e i suoi abitanti vivono in sfregio alle istituzioni e alle leggi: questa situazione di grave degrado è ormai evidente a tutti e la città non può più tollerarla. Il quartiere vive ostaggio dei nomadi, lo ribadisco, il campo va chiuso". L'esponente leghista è pronto a formalizzare la sua richiesta al sindaco di Milano: "Lunedì inviterò il Sindaco Sala a effettuare un sopralluogo insieme a me per vedere con i suoi occhi la situazione".

Solidarietà è stata espressa a Bologni e agli altri esponenti della Lega e ai cittadini che hanno rischiato durante il sopralluogo. Il presidio nel campo nomadi di via Negrotto a Milano non è stato l'unico della giornata. La Lega nella giornata di oggi ha organizzato diverse manifestazioni pacifiche nei 9 municipi della città "per denunciare il degrado della città e i fallimenti della giunta Sala in ogni quartiere". In un comunicato diffuso ieri, Stefano Bolognini aveva dichiarato che sarebbe stata chiesta "gran voce la chiusura del campo nomadi di via Negrotto, che doveva essere chiuso già cinque anni fa e che invece continua ad essere la base di numerose attività illecite. Milano non può continuare a tollerare covi di illegalità come questi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

d'annunzianof

Sab, 20/02/2021 - 17:13

Chi ci guadagna? A chi fa` comodo?

Eridano

Sab, 20/02/2021 - 17:30

Risorse, tutte risorse per la sinistra, tanto pulizia, disinfestazione, smaltimento e ripristino del posto le paghiamo noi. C'è da farci una bella cresta

lawless

Sab, 20/02/2021 - 17:59

zitti tutti parla la lamorge, come non la sentite? A già non ha nulla da dire anche pèerchè è indaffarata a stendere tappeti rossi a quelli che arrivano a lampedusa...

VittorioMar

Dom, 21/02/2021 - 10:28

....tutti dobbiamo capire imparare e spiegare che prima vengono i DOVERI e poi qualche DIRITTO

Jon

Dom, 21/02/2021 - 11:03

Sala guadagna Voti e qualche mancetta sotto sotto..Per cancellare la vergogna di lasciare la citta' in mano ai delinquenti ed ai Centri Asociali..

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 21/02/2021 - 11:28

Figurati se Sala chiuse. Ne farà arrivare ancora tanti. I ocmunsiti no nsi smentiscono mai.

marco1965

Dom, 21/02/2021 - 13:05

Multe, detenzioni, con queste persone non servono più a nulla. Se guardate le foto, le macchine sono di grossa cilindrata con targhe abbastanza recenti, le casette curate, naturalmente abusive. Pisapia auspicava un coinvolgimento dei nomadi nelle attività di recupero materiali metallici, l' hanno preso in parola. E' pur vero che in zona Certosa sgomberò due campi abusivi, ma per dare le case popolari, creando dei veri e propri bronx. A dire il vero non si sa come comportarsi con gli asociali di ogni nazionalità, ogni azione è un fallimento.

dredd

Dom, 21/02/2021 - 13:40

Tranquilli, abbiamo un ministro dell’interno che sa il fatto suo e sistemerà tutto