Un Fuorisalone del gusto tra chef, mercati e cascine

Il Comune lo lancerà nei giorni di TuttoFood

Un Fuorisalone del gusto tra chef, mercati e cascine

Ne avevano parlato a settembre già il sindaco e lo chef stellato Davide Oldani, che è stato ambasciatore Expo e potrebbe tornare a dare una mano all'ex commissario. A Milano c'è il fuorisalone del Design (in concomitanza con il Salone del Mobile in Fiera, nel 2017 si terrà dal 4 al 9 aprile), si studia una stessa formula per il primo salone del libro in città («Tempo di libri», dal 19 al 23 aprile 2017) ma mancava una settimana del gusto o della gastronomia. E ci sarà. Il Comune sta già studiando il piano da lanciare in occasione di «TuttoFood» in Fiera tra il 9 e l'11 maggio. «La combinazione tra un'esposizione in fiera per gli operatori specializzati ed eventi aperti al grande pubblico in città, che servono anche a far conoscere quanto sta avvenendo a Rho, è una formula che funziona e vogliamo utilizzare in tutte le occasioni possibili» ammette l'assessore alle Attività produttive Cristina Tajani, che ha già avviato il dialogo con Fiera Milano, Sogemi per i mercati milanesi, Epam (l'associazione dei pubblici esercizi) e anche con il distretto delle cascine. «Stiamo valutando le location - anticipa - ovviamente ci sono già richieste per i luoghi tradizionali come Darsena o Castello, ma vorremmo estendere gli eventi nei mercati comunali, nelle cascine che producono a chilometro zero, nelle aree a ridosso dei parchi agricoli. Non sarà un fuorisalone solo commerciale ma si abbinerà a eventi commerciali, approfondimenti su cibo e salute». E si andrà dai menu guidati con gli chef stellati allo street food in tutte le sue declimazioni.

Una settimana di appuntamenti sparsi con il food come comune denominatore, sul modello di Bookcity e Pianocity. Ovviamente anche gli operatori che allestiscono stand in fiera per un pubblico specializzato potranno raddoppiare la visibilità promuovendo iniziative in città. E bar e ristoranti in città saranno invitati a dare spazio alle idee. «Abbiamo già avuto un primo contatto con Epam e c'è disponibilità a lavorare insieme» anticipa la Tajani.

Alfredo Zini, consigliere della Camera di Commercio di Milano, è favorevole a «tutto ciò che può animare la città, purchè non diventino solo delle sagre organizzate da operatori esterni ma favoriscano chi volge attività di ristorazione in città tutto l'anno». Un esempio? «In quei giorni - anticipa - il Comune non gravi con ulteriori costi chi vuole fare attività di somministrazione davanti al locale».

ChiCa

Commenti