I no global "cancellano" corso Colombo

Il Cantiere rinomina la strada. Prossimo blitz ai Giardini Montanelli

I centri sociali si sono messi in testa di riscrivere la storia. A pochi giorni dall'anniversario della scoperta dell'America, ieri notte con un blitz gli attivisti del «Cantiere» hanno «ribattezzato» corso Cristoforo Colombo, in zona Porta Genova, in «corso Resistenza indigena». I no global hanno apposto una finta targa sotto quella in marmo che riporta l'indicazione toponomastica corretta e già che c'erano hanno appeso lungo la strada manifesti con la scritta «Le Amiriche non sono state scoperte, sono state massacrate». Atto rivendicato sulla pagina Facebook dove il centro sociale spiega che l'azione «fa parte della chiamata alle arti e della Decolonize the city, un'opera collettiva per decolonizzare la città a partire dai simboli che celebrano colonialismo, razzismo e violenza patriarcale. Sulla memoria si gioca una partita importante. La storia non è un elenco di fatti storici raccontati da una voce neutrale, ma è una storia scritta da chi detiene il potere di determinare che questa sia la storia unica». E semmai le forze dell'ordine questa volta volessero intervenire in diretta, il collettivo annuncia già che «il prossimo appuntamento della campagna di decolonizzazioni sarà domenica 18 ottobre ai Giardini di Porta Venezia, con la posa di una Statua alla memoria di Thomas Sankara, a 33 anni dal suo assassinio, una figura fondamentale per capire la storia del neocolonialismo odierno e gli effetti di una storia che nessuno vorrebbe affrontare, ricordare e rovesciare». A giugno sull'onda delle manifestazioni antirazziste scoppiate in tutto il mondo in seguito all'uccisione di George Floyd a Minneapolis, giovani di altri centri sociali imbrattarono nei giardini a lui dedicati la statua di Indro Montanelli, accusato di aver preso in sposa una 14enne durante la guerra d'Etiopia. Un atto contestato anche dal sindaco e su cui è aperto un fascicolo in Procura. L'assessore regionale Fdi Riccardo De Corato ora chiede di «denunciare anche chi ha imbrattato la targa in corso Colombo».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giovanni235

Mar, 13/10/2020 - 10:15

Ci sono due concorsi per "SCEMI DELL'ANNO":quello individuale e quello di gruppo.Questi di Colombo,per ora,sono al secondo posto,staccati di parecchio dall'ANPI,ma sono in tempo per recuperare. Coraggio,potete migliorare!!!!Se riuscirete a cancellare il guerrafondaio Garibaldi guadagnerete migliaia di punti e il secondo posto in classifica non ve lo toglierà mai nessun altro gruppo.

Ritratto di Adespota

Adespota

Mar, 13/10/2020 - 10:46

Ho constatato di persona che tutti i ragazzi, non appena si mettono a giocare a "monopoli" , iniziano a litigare sulla legittimità o meno di una casella con scritto "largo Colombo". Ho scritto alla casa editrice asserendo che è una vera vergogna...anche perchè Colombo era magro...

Cicaladorata

Mar, 13/10/2020 - 11:13

Quando ci si trova davanti ad uno scemo è inutile e dannoso spiegare, solo l'azione forte, ferma lo scemo. Colombo ha intuito che dovevano esserci nuove terre, al di là dell'orizzonte ed è partito alla ricerca. Successivamente alla scoperta ed al ritorno, forze di potere hanno usato la scoperta, x fini economici. Anche nel periodo di Giulio Cesare si riteneva che l'Isola immensa oggi chiamata Gran Bretagna, fosse solo una favola, un illusione dovuta alla nebbia di quell'area, poi Cesare iniziò la scoperta di questa terra. Anche altri popoli sono partiti x esplorare nuove terre, vanno guardati con ammirazione e commozione.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 13/10/2020 - 11:31

Questa fa il paio con la proibizione fascista del "Lei". Per cui si sarebbe dovuto nominare il genio dell'astronomia: Galileo Galivoi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 13/10/2020 - 12:02

Intitoliamo una strada a loro, Via Centri Sociali, nel senso di via proprio, dalle città e che vadano nelle grotte. Tanto sono inutili alla società, peggio delle cavallette in un raccolto di mais.

aswini

Mar, 13/10/2020 - 12:38

giusto, colobo mai arrivato negli usa a alle bahamas, ha assacrato i pellerossa ed è stato un negrierpo, ica i puritani del mayflower, quando mai, la DEMENZA REGNA SOVRANA

sbrigati

Mar, 13/10/2020 - 12:47

Secondo il ragionamento di costoro, Cristoforo Colombo sarebbe il responsabile per l'invasione degli europei in America ( spero si possa ancora chiamare così) che di fatto, pur portando civiltà, ha sostituito i nativi. Usando lo stesso metro chi potremmo incolpare per l'invasione che stiamo subendo in Italia? Così per chiedere.

agosvac

Mar, 13/10/2020 - 13:10

Se ci sono persone totalmente inefficienti mentalmente sono no global e centri sociali. Tra l'altro neanche conoscono la storia. Cristoforo Colombo non fu mai un persecutore di schiavi anche perché di avere schiavi non ne ebbe mai la possibilità. Quelli che poi sfruttarono la rotta aperta da Colombo furono altri, non certamente lui. Purtroppo no global e centri sociali di studiare manco se lo sognano. Loro accusano tutti di quello che fanno loro giornalmente: perseguitare le persone per bene!

cecco61

Mar, 13/10/2020 - 13:12

@ sbrigati: ci sarebbe un altro appunto da fare. I cosiddetti "pellerossa", definiti anche "nativi americani" tali non sono perché giunti dall'Asia attraverso lo stretto di Bering. I nativi nordamericani, quelli veri, estinti: massacrati dai pellerossa o cosa? Se al contrario vale la regola che un territorio è del primo che arriva, se ancora si può parlare di invasione europea del nordamerica, bisognerebbe sbattere fuori dal Sudafrica tutti i neri, visto che quando ci arrivarono i boeri era totalmente disabitato, eccezion fatta per leoni e gazzelle.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 13/10/2020 - 13:33

E' la seconda volta che l'ex vicesindaco De Corato se ne esce con la medesima fesseria. La prima volta fu nel 2018 quando parlò di "rilievi penali per azioni che non sarebbero rimaste impunite" riferite al blitz di un collettivo femminista alla statua di Montanelli. In quell'occasione venne apposta una striscia di nastro adesivo sul basamento della statua sul quale compariva la scritta "stupratore di bambine". Nient'altro... non una goccia di vernice come sarebbe invece successo gli anni seguenti. lo stesso femomeno adesso tuona "denunciare anche chi ha imbrattato la targa in corso Colombo". Peccato che nessuno abbia fatto una cosa del genere così come si può vedere nella foto; gli antagonisti si sono limitati ad apporre una finta targa senza rovinare o toccare quella esistente.

maxmado

Mar, 13/10/2020 - 13:40

Peggio di qualsiasi virus, anche dell'ebola, c'è l'ignoranza. E peggio dell'ignoranza c'è l'ignoranza con la presunzione di sapienza. Questi ebeti, al pari dei metoo, a pari dei gretini, quando sono in buona fede (perchè molti non lo sono, mentono sapendo di farlo, ma tanti sono "boccaloni") pensando di fare il bene provocano disastri peggiori delle presunte malefatte che denunciano.

donzaucker

Mar, 13/10/2020 - 14:54

Per le crudeltà commesse Colombo è stato deportato in Spagna ed incarcerato, dopo un'inchiesta iniziata dalla Corona Spagnola. Tanto bravo non era se gli spagnoli stessi lo hanno condannato ed incarcerato.

d'annunzianof

Mar, 13/10/2020 - 16:32

Un'altra prova che il virus della stupidita` e` piu` pernicioso dell'influenza per le menti deboli

Santippe

Mar, 13/10/2020 - 17:16

Non c'è che dire:l'idiozia si diffonde a una velocità pari a quella del Covid 19 e il vaccino, cioè la scuola, spesso funziona all'incontrario.

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 13/10/2020 - 17:34

Dreamer_66, in che centro asociale ,è la tua tana?

dagoleo

Mar, 13/10/2020 - 17:36

A Torino dovremmo cancellare corso Unione Sovietica, ricorda lo schifo del Comunismo.