La Michielin dribbla la paura «Live» in streaming da Milano

La cantante doveva esibirsi all'Ortica ma dopo i divieti opta per l'evento online dagli studi dell'ex Pfm Pagani

Luca Testoni

La moratoria della musica dal vivo a Milano causa Coronavirus? Francesca Michielin, fulgida ex stella di X Factor, talent del quale fu vincitrice nell'ormai lontano 2012, riconvertitasi a cantante-autrice emergente che flirta con la musica indie, l'elettro-pop e l'hip hop, ha trovato il modo di aggirare l'emergenza sanitaria. In barba alla psicosi di questi giorni.

Cancellato il concerto di stasera in un frequentato club dell'Ortica, il Serraglio, in ottemperanza all'ordinanza emanata da Regione Lombardia che ha imposto lo stop a tutte le manifestazioni ludico, culturali e sportive, non si è data per vinta e ha pensato di sconfiggere in modo originale l'effetto «simil-peste» del virus 2.0 che sta paralizzando la metropoli lombarda dando appuntamento a tutti i suoi fan sempre stasera, ma per un'esibizione «live» in diretta streaming.

«La musica non si ferma, e neanche noi», ha messo nero su bianco via social, il canale di comunicazione d'ordinanza contemporaneo. «È vero, non potremo essere fisicamente insieme; per questo ho pensato di preparare qualcosa di speciale». Quel «qualcosa di speciale» l'ha ribattezzato lei stessa come «urban orchestral set», un'esibizione live che andrà in scena alle ore 21 in Ludovico il Moro, all'interno delle Officine Meccaniche dell'ex Pfm (ed ex collaboratore di Fabrizio De Andrè) Mauro Pagani, uno dei maggiori studi di registrazione italiani, per poi essere rilanciata sulla pagina Facebook della 25enne artista originaria di Bassano del Grappa, che da qualche tempo ha messo radici a Milano.

Nessuna sorpresa. In fondo, ci stiamo preparando a un match di cartello come Juve-Inter a porte chiuse, ma con la possibilità di assistere in chiaro alla partita in tv come sulle piattaforme digitali. E allora perché non inventarsi modi alternativi intrattenimento per chi la sera è costretto a ritirarsi a casa perché tutto chiuso?

La «Francy» come la chiamano i suoi (adoranti) fan canterà alternandosi al pianoforte, alle tastiere e alle percussioni. Al suo fianco, per quello che dovrebbe essere un anticipo del concerto del suo imminente tour, anche un quintetto d'archi, nonché i Coma_Cose, brillante duo con base a Milano formato da Fausto Zanardelli e Francesca Mesiano un passato da magazziniere lui e da commessa lei - in bilico tra rap, elettronica e cantautorato (nel loro album d'esordio «Hype Aura» ci sono citazioni di Francesco De Gregori e Lucio Battisti), esplosi lo scorso anno grazie al traino dei video «lanciati» su YouTube. Un'apparizione tutt'altro che casuale quella dei Coma_Cose.

«Durante la diretta streaming sarà possibile ascoltare per la prima volta il brano Riserva Naturale feat. Coma_Cose, disponibile poi dalla mezzanotte su tutte le piattaforme digitali», fa sapere la Michielin. Già, perché la ragazza, che negli ultimi anni si è avvicinata sempre di più alla scena più indie, anche grazie alle frequentazioni artistiche di Calcutta e Cosmo, tra un paio di settimane ha un disco nuovo in rampa di decollo dal titolo «Feat» (Sony Music): 11 canzoni per altrettante collaborazioni con altrettanti «colleghi» della scena italiana contemporanea che sta svelando a poco a poco. Per il primo singolo, la ballata avvolgente «Cheyenne», ha unito forze, idee e creatività con altri due milanesi della scena trap d'autore: il vincitore del Sanremo 2019 Mahmood e Charlie Charles.