Milano, la Stazione Centrale come il "terzo mondo" tra bivacchi, degrado e spaccio

Sono tornati numerosi i bivacchi in Stazione Centrale a Milano. La zona adiacente al principale scalo ferroviario meneghino è tornato a essere presa d'assalto da migranti e disperati

Milano, la Stazione Centrale come il "terzo mondo" tra bivacchi, degrado e spaccio

Sono (ri)tornati numerosi i bivacchi in Stazione Centrale a Milano. La zona adiacente al principale scalo ferroviario meneghino è tornato a essere presa d'assalto da migranti e disperati, che si accampano nei giardini attigui, aumentando il degrado di una fetta di città già problematica, in cui lo spaccio e la criminalità proliferano.

Nei giorni scorsi, ilgiornale.it era stato sul campo, trovando una situazione al limite da piazza Duca d'Aosta fino a viale Vittorio Veneto e scovando appunto gli accampamenti improvvisati di decine di persone. Oggi, a due settimane di distanza, la situazione non è migliorata e, anzi, è forse anche peggiorata.

"Lo stato di piazza Duca d'Aosta non è degno di una città che si professa internazionale come Milano, ma semmai di qualche paese del terzo mondo. Di prima mattina ci sono decine e decine di africani stesi a terra in ogni angolo a dormire. La mela del Pistoletto è il luogo preferito dagli extracomunitari per passare la notte, ma anche le aiuole e le grate della metropolitana sono prese d’assalto. Anche la vicina piazza Luigi di Savoia è assediata da decine di immigrati e sbandati di ogni etnia, così come il lato di via Ferrante Aporti vicino al Memoriale della Shoah. Passeggiando da queste parti non sembra nemmeno di essere a Milano, ma in qualche villaggio africano. È questo il tanto decantato modello Milano che la sinistra non si stanca mai di presentare come fiore all'occhiello dell'accoglienza?", è la denuncia e l’affondo di Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega, che punta il dito contro l’amministrazione Sala.

Dunque, l’esponente del Carroccio attacca ancora: "Nella zona della stazione Centrale, che dovrebbe essere un bel biglietto da visita per i turisti che arrivano a Milano, ogni norma di buongusto e decoro è sospesa: si trovano immigrati che urinano sulle piante, che si lavano nelle fontanelle, che si ubriacano e che spacciano. Le aiuole sul lato del McDonald's sono letteralmente occupate da gruppi di africani che bivaccano dalla mattina alla sera, mentre le aiuole recentemente riqualificate verso via Vittor Pisani sono la centrale dello spaccio a cielo aperto. Finalmente ieri la giunta comunale si è decisa a parlare di daspo urbano: anche se non sarei molto sorpresa se l'ideologia tipica della sinistra venisse ancora anteposta alla sicurezza dei cittadini e dei turisti nella zona della stazione".

Commenti