Treni regionali più sicuri: 150 nuove guardie a bordo

Da domani aumentano i vigilantes sulle linee regionali di Trenord L'ad Farisè: «Fondi sulle infrastrutture per migliorare la puntualità»

Da domani sulle linee regionali di Trenord saliranno 150 addetti privati alla sicurezza in più. Vanno ad aggiungersi ai 62 in servizio fino ad oggi. Rinforzi decisi dopo l'aggressione col machete che aprì polemiche e discussioni sui controlli a bordo e arrivano proprio mentre a livello nazionale ma europeo si parla al alzare decisamente la guardia lungo i binari contro il rischio terrorismo e non solo. Non è l'unica novità in arrivo per i pendolari. Intanto, l'ad della società ferroviaria Cinzia Farisè annuncia che le corse in andata e ritorno dall'aeroporto alle stazioni cittadine con il Malpensa Express aggiunte per i sei mesi di Expo diventeranno a regime a fine evento. E se la puntualità dei treni lombardi ha già raggiunto l'85% delle corse, afferma che «non basta, vogliamo fare di più». Ma «servono anche maggiori investimenti sulle infrastrutture», perchè molti dei problemi patiti dai pendolari che contestano i ritardi nascono proprio da lì. La stazione Garibaldi ad esempio «è satura». Ma la sfida di Trenord sarà puntare anche su un'offerta di viaggi tematici, sul modello dei «treni del vino» della California.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti