Monaco Strage di Falzano: condanna a vita per un ex nazista

Josef Scheungraber, 91 anni (sopra) è stato condannato all’ergastolo a Monaco di Baviera per il massacro di Falzano di Cortona (Arezzo) il 26 giugno 1944. L’ex ufficiale degli alpini tedeschi, già condannato a vita in Italia, ordinò l’omicidio di 14 civili dai 16 ai 74 anni. L’anziano vive a Ottobrunn, in Baviera, dove dopo la guerra è stato anche consigliere comunale. È sordo e cammina appoggiandosi a un bastone, ma era apparso in buona salute all’apertura del processo a settembre. Secondo la procura di Monaco, i soldati tedeschi dopo una imboscata dei partigiani avevano preso in ostaggio un gruppo di civili, li avevano chiusi in una casa e l’avevano fatta saltare in aria. Solo un ragazzo di 15 anni era sopravvissuto. I tedeschi avevano poi ucciso altre quattro persone. Scheungraber si è difeso dicendo di aver consegnato gli ostaggi alla polizia militare e di non aver saputo cosa fosse successo poi. L’ufficiale è stato condannato all’ergastolo per la strage dal tribunale militare di La Spezia il 28 settembre del 2006, ma la Germania non concede l’estradizione dei proprio cittadini contro la loro volontà. I difensori hanno annunciato l’appello mentre soddisfazione per la sentenza è stata espressa dal sindaco di Cortona Andrea Vignini presente a Monaco per la conclusione del processo.

Commenti