Mondiali di volley: continua la Via Crucis azzurra, ko con la Polonia Olimpiadi a rischio

Quinta sconfitta in sette gare per un Mondiale azzurro che bollare come deludente sarebbe a dir poco eufemistico. Vince la Polonia e Olimpiadi più lontane

Per l'Italia 5 sconfitta in 7 gare

Mondiale sfortunato (ma non solo) per l'Italvolley. A battere la nazionale azzurra stavolta ci pensa la padrona di casa: la Polonia non molla è cerca a tutti i costi un posto tra le prime sei. I ragazzi di Berruto vincono il primo set ma poi si cullano e iniziano a perdere colpi. 

Un peccato vista la pressione dell'Italia sulla squadra del ct Antiga che si è visto alle strette è ha ben pensato di correre ai ripari cambiando formazione: entrano il secondo regista Drzyzga e Kubiak e le sorti iniziano a mutare direzione. Anche Berruto decide per un cambio tattico ed entrano gli schiacciatori Kovar e Lanza (al posto di Parodi) mentre restano i due liberi: Colaci in difesa e Rossini in ricezione. Nonostante il cambio nella formazione, la Nazionale è smarrita, cominciano gli errori e le proteste con l'arbitro. La Polonia ne approfitta e dà il meglio di sè. Complice il tifo polacco, gli uomini di Antiga riprendono la gara in mano e si riportano in parità, grazie anche alle schiacciate di Wlazly e alle veloci dei nuovi entrati Mozdzonek e Klos. Il morale della Polonia si solleva e il terzo set è ancora una volta vinto dalla squadra di casa nel tripudio generale degli oltre 12.000 tifosi. Nel quarto set, gli Azzurri ci riprovano e non mollano ma il vantaggio è poca cosa contro la sfrenata Polonia: Wlazly  e Winiarski sono decisivi e regalano una vittoria importantissima in ottica qualificazione a Rio 2016. 

L'Italia, invece, raccoglie la quinta sconfitta su sette gare giocate: un pessimo risultato che, insieme agli altri, allontana sempre più gli Azzurri dalla qualificazione per le Olimpiadi

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.