Australia, premier annuncia stretta contro gli ambientalisti

Il governo australiano ha optato per la linea dura in reazione a recenti gesti dimostrativi degli ambientalisti contro importanti progetti industriali

Il governo australiano ha annunciato una stretta contro le iniziative di protesta e di boicottaggio messe a punto dalle sigle ambientaliste contro le industrie che impiegano fonti energetiche tradizionali.

È stato il primo ministro Scott Morrison in persona, intervenendo di recente a un convegno promosso a Brisbane dalle aziende estrattive, a promettere una messa al bando delle campagne ecologiste dirette a danneggiare le attività economiche basate sull’impego di combustibili fossili.

In base a quanto riporta The Daily Telegraph, la proposta di legge ideata dal premier sarebbe finalizzata a dichiarare fuorilegge ogni “protesta irresponsabile ed egoistica” che possa pregiudicare le industrie minerarie. Il provvedimento governativo servirebbe appunto, a detta dello stesso Morrison, a “proteggere l’economia australiana” dalla minaccia rappresentata dal boicottaggio promosso dagli ecologisti nei riguardi delle attività produttive che inquinano.

La linea dura annunciata dall’esecutivo federale, spiega il giornale inglese, sarebbe una reazione alle recenti azioni dimostrative degli ecologisti ai danni di importanti progetti industriali. Tra queste, il quotidiano cita, come esempio, le pressioni esercitate dalle sigle verdi su alcune banche affinché non venissero concessi finanziamenti agli imprenditori intenzionati a investire nello sfruttamento di un bacino minerario nel Queensland.

Il fronte ambientalista ha reagito con sdegno al disegno di legge promosso da Morrison, accusando il primo ministro di attentare alle libertà civili. Tra le voci critiche nei confronti dell’esecutivo vi è quella del deputato federale de I Verdi Adam Bandt, che, citato sempre dal Telegraph, ha dichiarato: “L’attuale governo australiano è una palese minaccia alla libertà di pensiero e alla democrazia. Invece di adottare provvedimenti contro l’emergenza climatica, Morrison preferisce smantellare lo Stato di diritto”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ohibò44

Lun, 04/11/2019 - 12:31

Impedire a chicchessia di lavorare onestamente non è una ‘libertà civile’.

Ritratto di gian td5

gian td5

Mar, 05/11/2019 - 13:40

I verdi, se avessero gli attributi, dovrebbero protestare contro chi inquina senza regole, Cina, India, Pakistan ecc.ecc. invece e purtroppo, sono tutti Gretini e molti anche caviale e champagne.....