Mondo

Berlino, bambina insultata e picchiata a scuola perché ebrea

I responsabili sono coetanei musulmani, figli di immigrati. Il fenomeno del "mobbing religioso" è in crescita in Germania. Ma anche in altri Paesi europei

Berlino, bambina insultata e picchiata a scuola perché ebrea

Spintonata, insultata e minacciata dai compagni di classe perché erbrea. È successo pochi giorni fa nella scuola elementare Paul-Simmel di Berlino. Un bambina di 7 anni è stata avvicinata da un amico: "Sei ebrea?". La piccola ha subito risposto di sì e ha spiegato che suo papà è di fede ebraica anche se non è praticante. A quel punto è stata picchiata da diversi bambini, tutti provenienti da famiglie di fede musulmana.

Ora, Thomas Albrecht, direttore della scuola elementare nella quale è avvenuta l'aggressione, vorrebbe arruolare servizi di sorveglianza privati per garantire la sicurezza.

Il fenomeno

Come racconta La Stampa, in Germania, l'episodio sta scuotendo l’opinione pubblica e ha innescato un dibattito sul cosiddetto "mobbing religioso", un fenomeno molto diffuso nel Paese. "I bambini sono sempre più spesso soggetti al fanatismo religioso dei loro genitori, fratelli maggiori o parenti più stretti", ha dichiarato al quotidiano Berliner Zeitung l'insegnante di una scuola elementare berlinese nella quale fino al 70% degli alunni è figlio di immigrati."Non sanno ancora leggere e scrivere, ma già dividono il loro piccolo mondo in due categorie: credenti e miscredenti, musulmani e non musulmani".

I reati di stampo antisemita sono cresciuti negli anni: oltre 1500 quelli denunciati alle autorità nel 2017. Le vittime di questo fenomeno non solo alunni non musulmani, ma anche insegnati ed educatori, in particolar modo donne. "Radicalizzandosi, i giovani musulmani trovano un’identità, si distinguono e compensano l’esperienza d’isolamento che a loro volta provano in qualità di diversi, di stranieri, di emarginati", ha dichiarato la direttrice dell’American Jewish Committee di Berlino, Deidre Berger.

In Francia

Non solo in Germania. In fenomeno è diffuso anche negli altri Paesi europei. In Francia, due giovani di fede musulmana sono stati accusati di "omicidio volontario" per l'uccisione di Mireille Knoll, l'85enne sopravvisuta alla Shoah e trovata senza vita in casa venerdì. Gli inquirenti parlano di un omicidio motivato dalla "appartenenza vera o presunta della vittima a una religione", quella ebraica.

Commenti