Coronavirus, annullato "Salone dell'auto" di Ginevra

Per cercare di contenere l’epidemia di coronavirus, il Consiglio federale ha deciso di annullare fino al prossimo 15 marzo tutte le manifestazioni, pubbliche e private, che raccolgono più di mille persone

L'epidemia di coronavirus che si sta diffondendo in tutto il mondo sta creano problemi non solo da un punto di vista sanitario ma anche sullo stile di vita della popolazione di numerosi Paesi. Città isolate, persone in quarantena, luoghi sacri chiusi e cancellazione di eventi pubblici sono alcune delle misure adottate dalle autorità per cercare di fermare l’espandersi dell’infezione.

Fino ad ora in Svizzera si sono registrati 15 casi di persone contagiate dal coronavirus. Il Consiglio federale, però, vuole usare tutte le precauzioni possibili ed ha deciso di annullare fino al prossimo 15 marzo tutte le manifestazioni, pubbliche e private, che raccolgono più di mille persone. Con questo provvedimento salterà anche il "Salone dell'auto", un celebre appuntamento che attira tra i 500mila e 600mila visitatori.

"Gli eventi su larga scala che coinvolgono più di mille persone devono essere vietati. Il divieto entrerà in vigore immediatamente e si applicherà almeno fino al 15 marzo", ha spiegato il governo federale. La scelta di non aprire le porte del Salone, in programma dal 5 al 15 marzo, arriva in extremis quando molti degli stand erano in fase di allestimento e gran parte degli operatori del settore, ma anche del pubblico intenzionato a visitarlo, si era ormai organizzata per prendervi parte.

L’annullamento della kermesse, giunta alla 90esima edizione, creerà grandi problemi di natura economica. Fino a ora non ci sono stati commenti e conferme ufficiali da parte degli organizzatori. Le autorità federali svizzere sono consapevoli che "questa misura avrà un impatto significativo sulla vita pubblica in Svizzera. Tuttavia prevediamo che la decisione costituisca una protezione effettiva per le persone in Svizzera e per la salute pubblica".

Resta da vedere, infatti, quale sarà la reazione delle case automobilistiche che, in maniera improvvisa, non potranno usufruire della importante vetrina ideata per esporre al mondo le proprie vetture. A Ginevra, ad esempio, Fiat doveva mostrare un’auto come la 500 elettrica oppure Audi che aveva in programma il debutto della nuova A3. Forse ogni casa potrebbe organizzare eventi mirati dedicati alla stampa durante i quali pubblicizzare le automobili.

Il "Salone dell’auto" di Ginevra non è la prima grande manifestazione ad essere stata cancellata a causa del Covid-2019. Nelle scorse settimane era saltato il Mobile World Congress di Barcellona, in programma dal 24 al 27 febbraio. Rimandato a data da destinarsi, invece, il "Auto China 2020" di Pechino che si sarebbe dovuto svolgere dal 21 al 30 aprile prossimi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio1952

Ven, 28/02/2020 - 12:24

Ho sentito Borgonovo de La Verità sputare veleno sul governo, io credo come ha riconosciuto l'OMS che l'Italia si sia mossa bene, lo conferma la decisione odierna sul Salone di Ginevra, così come il Regno Unito che sta valutando di chiudere le scuole per due settimane, le poche decine di casi in paesi come Francia, Germania, Spagna e altri paesi europei ma che sono in costante aumento perché i famosi tamponi sono stati fatti in numero decisamente inferiore.

Giorgio Rubiu

Ven, 28/02/2020 - 12:35

Marguerite,dove sei? 15 casi di contagio da Coronavirus in Svizzera? Cosa inaudita.Perfino il Cronavirus dovrebbe sapere che la Svizzera è uno stato neutrale che si occupa di Finanze (anche tante Italiane!) con le sue Banche compiacenti.Come osa questo piccolo batterio infettare ben 15 cittadini di casta superiore come credono di essere gli Svizzeri? Diamine, bisognerà educarlo! Marguerite,dovremo accertare quante di queste 15 persone sono state infettate da frontalieri Italiani. Intanto voglio ricordarle che i virus non hanno bisogno di passaporto e non conoscono confini e frontiere.Deve essere stressante essere convinti di vivere in Paradiso e scoprire che si è nello stesso inferno in cui si trovano tutti gli altri. Auguri!