Coronavirus, choc in Francia: morto l’ex ministro Devedjian

Patrick Devedjian aveva annunciato solo tre giorni fa di essere stato contagiato dal coronavirus. Il primo ministro Philippe ammette che la situazione in Francia si aggraverà nei prossimi giorni

È una morte che ha sconvolto la Francia quella di Patrick Devedjian, 75enne ex ministro di Nicolas Sarkozy e presidente del Consiglio dipartimentale dell’Hauts-de-Seine. L’uomo, che si è spento in ospedale a Nanterre, è uno dei tanti pazienti che hanno perso la vita a causa del coronavirus. A colpire, però, sono soprattutto le tempistiche fulminee del dramma: l’ex ministro, infatti, aveva annunciato di essere stato contagiato dall’infezione soltanto tre giorni fa.

La notizia è stata diffusa dal dipartimento parigino. Devedjian era stato nominato ministro per l'emergenza finanziaria nel 2008 da Sarkozy, nel corso della crisi economica, ricoprendo la carica per due anni.

La situazione sanitaria in Francia è sempre più grave. Solo ieri si sono registrati altri 319 decessi di persone contagiate dal coronavirus che portano il totale dei morti a 2.314. Il numero di pazienti infetti è salito a 37.575. Il peggio non è ancora arrivato. A mettere in guardia i cittadini è il primo ministro Edouard Philippe che, nel corso di un conferenza stampa per fare il punto sull’emergenza coronavirus nel Paese, ha lanciato un allarme specifico spiegando che "i primi 15 giorni di aprile saranno ancora più difficili dei 15 giorni appena passati".

"La battaglia è appena cominciata", ha ammonito Philippe che poi ha ricordato i due grandi assi della strategia del governo francese: "aumentare la nostra capacità di accoglienza nei servizi di rianimazione e appiattire la curva dei contagi" grazie alle misure di contenimento e la prescrizione di restare a casa. "Non lascerò che si dica- ha continuato il primo ministro- che c'è stato un ritardo nella decisione sul contenimento" presa dal 17 marzo e prolungata fino al 15 aprile. "In quel momento- ha concluso Philippe- c'erano meno di 8 mila casi e meno di 200 morti. Quando sarà il momento, impareremo da questa crisi. Non sono fra quelli che scaricano le responsabilità, ma lascio a chi pensa di sapere sempre perfettamente cosa bisogna fare questo lusso".

Nel frattempo, come ha annunciato il ministro della Salute Olivier Veran, la Francia ha ordinato oltre un miliardo di mascherine per proteggere medici e infermieri impegnati nella lotta al coronavirus. Lo stesso Veran, citato dal sito di Le Figaro, ha spiegato che le consegne verranno scaglionate nelle prossime settimane e mesi. Per facilitare le spedizioni è stato organizzato un ponte aereo fra Francia e Cina. Il ministro ha poi affermato che sono stati ordinati anche 5 milioni di test per individuare l’infezione in soli 15 muniti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Dom, 29/03/2020 - 16:18

se penso alla pizza infetta di alcuni giorni fa......su una rivista francese....