Coronavirus in India, scoperto un "super-untore": 40mila persone in quarantena

Il presunto super-untore, dopo essere tornato in India da un viaggio in Italia e in Germania, non si sarebbe messo in isolamento anti-coronavirus

In India cresce la paura del coronavirus, alimentata dall’individuazione di un presunto “super-untore”. Tale soggetto avrebbe infatti inconsapevolmente trasmesso il Covid-19 a tantissime persone entrate recentemente in contatto con lui, costringendo le autorità locali ad adottare severe misure anti-contagio. Finora, i casi accertati di infezione virale nel subcontinente sono 640, ma, a detta degli esperti, sarebbero molti di più, dato che lì i test diagnostici procedono con estrema lentezza.

Il presunto untore che sta alimentando nel Paese asiatico la paura dell’epidemia, spiega la Bbc, sarebbe un predicatore Sikh di nome Baldev Singh, morto recentemente a 70 anni. Dopo il suo decesso, gli ufficiali sanitari hanno scoperto che egli aveva contratto proprio il morbo incriminato.

Andando a ricostruire gli spostamenti del soggetto, le autorità hanno scoperto che quest’ultimo aveva da poco compiuto un viaggio in due grandi focolai della pandemia, ossia in Italia e in Germania, e che, una volta tornato nel subcontinente, non si sarebbe messo in isolamento precauzionale.

Oltre a non sottoporsi all’isolamento prudenziale, il predicatore, dopo il suo ritorno in India, avrebbe anche preso parte in questo mese a dei raduni religiosi di massa, organizzati nell’ambito della festa Sikh di Hola Mohalla. All’evento a cui avrebbe partecipato Singh si è registrata la presenza media, evidenzia l’emittente, di circa 10mila persone al giorno. Il settantenne sarebbe quindi morto per coronavirus poco dopo avere presenziato alle cerimonie religiose in questione.

Una volta ricostruiti gli ultimi viaggi del predicatore e constatato il grande numero di persone entrate in contatto con lui nelle scorse settimane, le autorità indiane hanno subito varato provvedimenti d’emergenza per il Punjab, che è l’entità federata dove si sono verificati i principali spostamenti del soggetto contagiato.

In quello Stato, è stata appunto imposta la quarantena ai residenti di 20 villaggi, per un totale di 40mila persone, nel tentativo di impedire la circolazione del Covid-19 importato lì da Singh. I parenti del settantenne deceduto starebbero intanto già mostrando i primi sintomi dell’infezione.

19 membri della cerchia familiare del defunto, rimarca il network britannico, sono infatti in questi giorni risultati positivi al tampone.

In questa corsa contro il tempo nella ricerca degli individui che hanno incontrato il leader religioso Sikh, i funzionari locali sarebbero riusciti a scovare 550 persone entrate in contatto di recente con il predicatore infetto.

Nel subcontinente, fa sapere la Bbc, vi è, oltre al Punjab, un altro Stato sottoposto a quarantena precauzionale: il Rajasthan. In tale entità federata preoccupano infatti le condizioni sanitarie della città di Bhilwara, così è stato imposto anche lì l’isolamento anti-contagio.

Nella località in questione cresce appunto la preoccupazione per il fatto che dei medici infettati avrebbero diffuso il coronavirus. Di conseguenza, ai 7mila residenti dei villaggi situati alla periferia di Bhilwara è stato ordinato di non uscire di casa, così da scampare all’infezione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 28/03/2020 - 10:36

india è quasi peggio della cina, l'igiene manco sanno cosa sia, e vivono sempre nella miseria, nella sporcizia, e nello schifo, ma sono felici....

maricap

Sab, 28/03/2020 - 12:54

L'unica cosa giusta detta dai comunisti:"Religioni, oppio dei popoli". Ma essendo figli di quella madre sempre incinta, non si avvidero che anche il Comunismo era una religione, sicuramente una delle peggiori.