L'ex presidente Bush in tribunale per fare il giurato. Ma viene scartato

Una sorpresa per chi si trovava in tribunale a Dallas. Ma l'ex inquilino della Casa Bianca non è stato scelto. "È stato molto amichevole"

L'ex presidente Bush in tribunale con l'interprete Terrell Eustice
L'ex presidente Bush in tribunale con l'interprete Terrell Eustice

Per gli altri membri della giuria popolare convocata a Dallas, capitale dello Stato del Texas, scoprire chi era il candidato giurato che ancora non si era presentato dev'essere stata una sorpresa vera. Perché il numero 25 tra le persone convocate ieri mattina al George L Allen Sr Courts Building era il cittadino George W. Bush.

L'ex presidente, la conferma ufficiale l'ha data il suo portavoce Freddy Ford, era tra le persone convocate per fare parte della giuria popolare prevista per un caso che si stava discutendo in tribunale. "È stato molto gradevole, amichevole", ha commentato Sheri Coleman, anche lei lì per la stessa ragione.

Un cittadino come tanti, insomma. Non fosse per quel codazzo di servizi segreti che - scrive il Dallas Morning News - si riusciva a individuare senza troppa fatica di fronte all'aula al quinto piano del tribunale.

"Sarebbe bello che tutti prendessero il proprio dovere da giurati con la stessa serietà", ha detto il giudice Eric Moye. Anche se l'ex presidente americano, alla fine, in quella giuria non c'era. Non perché troppo "in vista" per farne parte, ma perché era il 27esimo in una lista di 35 persone. E di giurati ne sono stati selezionati solo 23.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti