Detroit, acquistati all'asta cimeli di Rosa Parks e Malcom X

Venduta la casa della donna che non lasciò il suo posto su un bus a un passeggero bianco. All’asta anche capitoli dell'autobiografia di Malcolm X

Detroit, acquistati all'asta cimeli di Rosa Parks e Malcom X

La casa di Detroit dove Rosa Parks, la celebre icona dei diritti civili degli Stati Uniti, ha cercato rifugio dopo essere fuggita dal Sud tra le minacce di morte, ha trovato degli interessati all’acquisto.

Lo ha annunciato il banditore che ieri, per conto della casa d’aste Guernsey di New York ha rimesso ai migliori offerenti sia la struttura che altri rari e storici manufatti afroamericani che includono, tra gli altri pezzi, diversi capitoli del manoscritto originale della “autobiografia di Malcolm X” di Alex Haley (poi risultati venduti, ad un prezzo che non è stato rivelato, allo Schomburg Center for Research in Black Culture di New York).

Adesso ci vorranno alcuni giorni per elaborare i dettagli. La casa è stata quotata con un'offerta minima di un milione di dollari, con una stima di vendita che varia dagli uno ai tre milioni di dollari. Arlan Ettinger, presidente della Guernsey’s auction house, ha detto che la casa non è stata venduta durante l'asta ma che è stato contattato dopo l'asta da un acquirente che ha avuto problemi a partecipare alle offerte online.

La Parks si trasferì a Detroit nel 1957, due anni dopo aver rifiutato, a Montgomery (Alabama), di lasciare il suo posto su un autobus ad un passeggero bianco, come prevedevano le regole razziali allora vigenti.

Nella piccola casa di Detroit la donna rimase per un po’ di tempo, condividendo gli angusti spazi con altri 17 parenti. Alla fine la casa fu abbandonata e finì in una lista di demolizioni prima che la nipote della Parks, Rhea McCauley, per preservare l'eredità morale di sua zia, la acquistasse per 500 dollari e la donasse all'artista americano Ryan Mendoza.

Mendoza la smontò (in 2 mila pezzi) e la spedì in Germania (pagando 13 mila dollari) dove la rimontò nel suo cortile di Berlino, trasformandola così in un'opera d'arte che divenne una piccola meta turistica.

Mendoza ha riportato la casa negli Stati Uniti all'inizio di questo 2018 e l'ha esposta a Rhode Island mentre cercava un luogo permanente per ricomporre la fragile struttura per l'ultima volta. Attualmente si trova imballata in container in attesa di raggiungere la sede del nuovo aggiudicatario. La casa d'aste ha detto che il ricavato della vendita sarà diviso tra la famiglia Mendoza e Parks.

Il 27 febbraio 2013, Barack Obama, l'allora presidente degli Stati Uniti, aveva presieduto alla cerimonia di scopertura della statua di Rosa Parks che è stata collocata nel Campidoglio di Washington.

Commenti

Grazie per il tuo commento