Gli euroalleati di Grillo nei guai: il segretario dell'Ukip cacciato per molestie sessuali

Una 35enne ha denunciato di aver ricevuto avances durante un cena. L'accusato resta comunque candidato alle comunali di maggio

Gli euroalleati di Grillo nei guai: il segretario dell'Ukip cacciato per molestie sessuali

Primo, imbarazzate scandalo per lo Uk Independence Party dell'euroscettico Nigel Farage. Gli alleati di Beppe Grillo al parlamento Strasburgo sono finiti invischiati in una brutta storia di molestie sessuali. E il segretario generale dell’Ukip, Roger Bird, è stato sospeso dall’incarico. Un terremoto che, ad appena sei mesi dalle elezioni, potrebbe anche essere una manna dal cielo per i conservatori del premier David Cameron terrorizzati fino ad oggi dai sondaggi che li danno in costante retrocessione.

Bird è stato sì sospeso dall’incarico, ma non perderà un solo pound. Manterrà, infatti, intatto il proprio stipendio. A farlo finire nell'occhio del ciclone sono state le accuse di una ex laburista folgorata sulla via di Westminster da Farage. La 35enne Natasha Bolter ha denunciato di aver ricevuto avances dal segretario generale dell’Ukip durante un cena. L'uomo avrebbe abusato di lei all'inizio di dicembre. La Bolter era andata alla cena per fere un colloquio per sottoporre la propria sua candidatura ai Comuni in vista delle elezioni del prossimo maggio.

Bird ha negato tutto. Si è limitato ad ammetter, "senza entrare nei dettagli", di "avere una relazione" con la donna che "è cresciuta bene dopo che era stata ammessa alla lista approvata dei candidati (alle elezioni), per cui la sua selezione non ha avuto alcun legame con la sua candidatura". La relazione sentimentale è stata, però, negata dalla Bolter al Times che ha riferito come la donna si sia ritirata dalla campagna elettorale per un seggio ai Comuni.

In attesa degli esiti dell'inchiesta interna dello Uk Independence Party, che terminerà sicuramente prima di natale, Bird è stato confermato candidato per la circorscrizione di Mole Valley.

Commenti