Germania, la Grande coalizione sceglie il presidente: come cambiano gli equilibri politici

Dopo mesi di scontri la Grande coalizione tedesca (Cdu, Csu e Spd) trova l'accordo sul nome del prossimo presidente federale: sarà il socialdemocratico Frank-Walter Steinmeier, attuale ministro degli Esteri

La Grande coalizione tedesca ha raggiunto l'accordo per il nuovo presidente della Repubblica federale. Il prescelto è Frank-Walter Steinmeier: sarà lui il prossimo presidente tedesco. Sessanta anni, ministro degli Esteri socialdemocratico, il 12 febbraio 2017 sarà proposto come candidato dall’Unione Cristiano-Democratica (Cdu) del cancelliere Angela Merkel, dalla Unione Cristiano-Sociale (Csu) e dal Partito Socialdemocratico (Spd) per succedere a Joachim Gauck. L’attuale presidente federale, 76enne, per motivi di età ha rinunciato a presentarsi per un secondo mandato.

Il braccio di ferro in seno alla Grande coalizione è andato avanti per mesi, prima di raggiungere l'intesa sul nome di Steinmeier. Uno dei politici più critici verso Trump, è stato ministro degli Esteri anche nel primo governo di Angela Merkel (2005-2009) e fu candidato dell’Spd alle elezioni del 2009, ricordate come uno dei peggiori risultati del suo partito.

In Germania l’incarico del presidente della Repubblica è puramente rappresentativo, ma la sua elezione è considerata una occasione per misurare i rapporti di forza tra i partiti prima delle elezioni generali fissate per il prossimo settembre e per le quali la Grande coalizione non ha ancora annunciato un candidato. Il cancelliere Angela Merkel, al potere dal 2005, non ha ancora sciolto la riserva sulla sua candidatura a un quarto mandato, probabilmente a causa delle tensioni tra i conservatori intorno alla sua figura.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 14/11/2016 - 11:06

Solite disgustose alchimie per tenere in piedi governi fantoccio al soldo dei poteri globalisti

Ritratto di Giano

Giano

Lun, 14/11/2016 - 12:29

Quanti italiani conoscevano l'ex presidente Joachim Gauck? Immagino pochissimi. Anche il successore, Steinmeier, lo dimenticheremo presto; difficilmente lo vedremo citato di nuovo, se non per eventi eccezionali. Anche i tedeschi lo sentiranno raramente, perché i suoi interventi pubblici si limitano a quelle poche occasioni ufficiali, in patria o all’estero, in cui partecipa con compiti di rappresentanza. Perché, nonostante il ruolo egemone della Germania nell'UE, quasi nessuno conosce il presidente tedesco che ha quasi la stessa funzione (garante e rappresentante della nazione) di quello italiano? Perché il presidente tedesco è quasi assente dalla scena politica, mentre quello italiano è sempre in primo piano, interviene su tutto e tutti e, vedi Napolitano, impone la sua visione politica, ordisce intrighi di palazzo, sceglie ed impone governi, infischiandosene della volontà popolare? Eppure hanno la stessa funzione. Strano, vero?

agosvac

Lun, 14/11/2016 - 13:40

Forse cruccolandia più che pensare al suo prossimo Presidente dovrebbe pensare alle prossime elezioni politiche, quelle che determineranno il nuovo cancelliere. Che possa essere la signora merkel, credo sia molto difficile visto i danni che ha fatto alla germania con la sua balorda idea dell'accoglienza tipo Italia: senza "se" e senza "ma". Nel frattempo bisognerà vedere cosa succederà nel "mondo reale". Se effettivamente Trump e Putin riusciranno a trovare un accordo, allora tutta l'Ue cambierà. Niente più Nato se non a spese degli europei, niente più sanzioni alla Russia, niente più aiuti agli integralisti islamici, sarà, almeno spero, un mondo ben diverso da quello attuale. E' una speranza, ma meglio una speranza che la certezza che si avrebbe avuto con la signora clinton.

giampiroma

Lun, 14/11/2016 - 14:21

quindi la Merkel è da 15 anni cancelliere. ma in un paese democratico occidentale quanti anni pensa di stare in carica la Merkel??!!forse loro dovrebbero cambiare la costituzione con più urgenza di noi.

ismaele

Lun, 14/11/2016 - 14:22

A 76 anni rinunciare per motivi di età? In Italia sarebbe un giovane alle prime armi...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 14/11/2016 - 20:30

giampiroma, vuoi insegnare a 80 milioni di tedeschi a votare?