Germania, infermiere sospettato di 84 omicidi

Niels Hoegel, infermiere tedesco già condannato in passato per avere ucciso due pazienti, è sospettato di averne ammazzati altri 84 tra il 2000 e il 2005

Niels Hoegel, infermiere tedesco già condannato in passato per avere ucciso due pazienti con un'overdose di farmaci letali, è ora sospettato di averne assassinati altri ottantaquattro tra il 2000 e il 2005. Lo ha reso noto la polizia, che non aveva ancora chiuso le indagini sull'infermiere.

Hoegel era stato arrestato nel febbraio 2015 per l'omicidio di due malati ricoverati in terapia intensiva all'ospedale di Delmenhorst, vicino alla città di Brema. Il capo della polizia di Oldenburg, Johann Kühme, ha reso noto che gli inquirenti, riesumate e analizzate altre salme, hanno finora trovato le prove di "altri 84 omicidi".

In realtà, gli investigatori non possono essere certi al 100 per 100 del numero di vittime provocate dall'infermiere killer. Infatti, la maggior parte dei corpi sono stati cremati e dunque ci sarebbe l'impossibilità di ricorrere alle autopsie per accertare le reali responsabilità di Hoegel, le cui vittime morivano al termine della stessa "procedura".

Stando a quanto è emerso, Hoegel somministrava ai pazienti dei farmaci che provocavano scompensi cardiaci o un collasso circolatorio; a quel punto interveniva prontamente per rianimare i moribondi, presentandosi così come eroe agli occhi dei colleghi. Ma la rianimazione non riusciva tutte le volte, anzi.

L'infermiere si trova già agli arresti perché sta scontando una condanna all'ergastolo per i primi casi provati: ma nel corso del processo è emerso che gli omicidi erano più numerosi, così sono stati avviati altri accertamenti. A gennaio del 2015, infatti, secondo quanto riporta la Frankfurter Allegemeine Zeitung, fu lo stesso infermiere a confessare in tribunale di avere iniettato alte dosi dei medicinali in questione a 90 pazienti, 30 dei quali poi erano morti.

Della vicenda si è occupata una commissione speciale della polizia, soprannominata "Cardio", che ha analizzato centinaia di cartelle cliniche e ha fatto riesumare oltre 100 cadaveri per verificare la presenza di resti dei farmaci iniettati dall'infermiere. Come detto, la vicenda aveva catturato l'attenzione dell'opinione pubblica tedesca già due anni fa, quando la polizia aveva accertato che era stato Hoegel a provocare volontariamente la morte di due pazienti già in gravi condizioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giusto1910

Lun, 28/08/2017 - 12:41

Mandatelo all'infermeria di Montecitorio!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 28/08/2017 - 13:05

Cribbio! si è rincarnato lo spirito del medico Mengele ... ricorsi della storia.

Ritratto di makko55

makko55

Lun, 28/08/2017 - 13:12

@giusto1910, idea fantastica, io porto le lenzuola X coprire i cadaveri.... non X altro xche inguardabili !! Cordialità.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 28/08/2017 - 13:24

Gli daranno una medaglia? Non c'è da stupirsi.

carlottacharlie

Lun, 28/08/2017 - 14:41

E' figlio di quella nazione, nessuna meraviglia.

bistecca

Lun, 28/08/2017 - 16:12

@Franco-a-trier. Niente da dire oggi sulla Sanità italiana? Meglio quella tedesca, assai più sbrigativa?