I Paesi arabi islamizzano l'Italia: 42 milioni l'anno per le moschee

Prima il Qatar, ora l'Arabia Saudita. I Paesi arabi, ma anche Turchia e Marocco, finanziano con milioni di euro la costruzione di moschee in Italia

L'islam sta raggiungendo l'Italia. Non con l'immagine classica dell'immigrazione, ma con i fiumi di denaro provenienti dal Golfo Persico. A raccontare un episodio particolare di questa penetrazione delle monarchie arabe è La Verità, che ricorda come, dopo il terremoto che ha colpito il modenese, il Qatar pagò quasi 500mila euro per ricostruire la moschea caduta con il sisma. La Qatar charity foundation per anni ha cercato di finanziare progetti per la costruzione di moschee e centri di indottrinamento. Il suo progetto prevedeva 43 centri islamici partendo dalla Sicilia.

E l'idea era di investire da sud a nord. Come scrive La Verità, "sono arrivati a Ravenna, dove la seconda più grande moschea in Italia è stata sovvenzionata con 800.000 euro spediti direttamente dal Qatar (e con altri 500.000 dall'amministrazione locale) e, ancora, a Roma, Piacenza, Vicenza, Saronno, dove i centri islamici sono sorti come funghi".

Questo fino a quando, dopo alcuni anni, la Qatar foundation ha bloccato completamente i versamenti nei confronti dei progetti italiani. L'Ucoii (Unione comunità islamiche d' Italia) ha confermato più volte di non ricevere più alcun soldo dall'emirato. C'è chi pensa sia per colpa dello scandalo dell'imam di Bergamo, che aveva ricevuto milioni di euro per un progetto innescando le indagini della procura. C'è chi pensa al mutato quadro politico nazionale e internazionale. Ma sta di fatto che quel rubinetto di è chiuso.

L'Italia può tirare un sospiro di sollievo? No. Perché se è vero che dal Qatar non arrivano più finanziamenti, è anche vero che le comunità islamiche non se la passano affatto male. Le moschee e le varie "associazioni culturali" che propagano il Corano muovono un volume d'affari difficilmente calcolabile, ma che raggiunge certamente decine di milioni di euro l'anno. Secondo alcune stime, sempre riportate da La Verità, si calcola un volume d'affari di 42 milioni annuali.

E oltre alle donazioni dirette da parte dei fedeli, ci sono altri Paesi interessati a finanziare progetti di islamizzazione in Italia, come Marocco, Turchia e Arabia Saudita. Riad è da tempo interessata a conquistare il "mercato" delle moschee italiane. A tal punto che gli sceicchi sauditi, tramite particolari ong, vogliono essere il primo partner per i musulmani italiani. Questo chiaramente anche per uno scopo politico e confessionale: avere moschee pagate dai sauditi significa avere centri di propagazione di una specifica ala islamica, conservatrice e profondamente legata alla monarchia wahabita.

Queste moschee, come spiega Mohammad Ben Abd Ul-karim Al-Issa, segretario della Lega musulmana mondiale, saranno esclusivamente ufficiali e rientrano nel piano previsto da Marco Minniti, allora ministro dell'Interno. Ma i dubbi restano, soprattutto per la rete di legami internazionali coinvolti in queste moschee. Ogni moschea ha un Paese finanziatore. E ogni Paese finanziatore ha una sua idea di islam che serve per portare avanti una sua politica. E l'Italia rischia di diventare un laboratorio di guerre intestine alla fede musulmana.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giuseppe45

Lun, 24/09/2018 - 10:58

Oriana Fallaci aveva visto giusto!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 24/09/2018 - 11:03

Ravenna,con altri 500.000 dall'amministrazione locale...shhh non suggerite,fatemi indovinare..giunta pdiota, vero????

Ritratto di 98NARE

98NARE

Lun, 24/09/2018 - 11:05

NO ISLAM IN ITALIA E' CONTRO A TUTTO E TUTTI.....

SpellStone

Lun, 24/09/2018 - 11:06

SUBITO LEGGI STILE UNGHERIA SUI CAPITALI ESTERI

apostrofo

Lun, 24/09/2018 - 11:41

Durante i governi PD andava tutto bene. Bastava lasciarli stare al comando. Così siamo arrivati dove siamo

Davons

Lun, 24/09/2018 - 11:41

L'islam ha l'obbligo, chiaro e ripetuto nei testi sacri, di conquistare il mondo dei non credenti, che, non a caso, si chiama dar al-harb (casa della guerra). La Conquista contempla l'imposizione della legge coranica, la sottomissione ad Allah, l'assoggettamento quali dhimmi dei cristiani ed ebrei e l'uccisione di CHIUNQUE si opponga all'islam. Erdogan che si pone come Guida della Sunna, dichiara pubblicamente che l'Europa verrà conquistata, mentre gli Stati del Golfo acquistano aziende, media, politici e anime ovunque. E' tutto già scritto, già successo; il nostro sangue è già stato sparso...e siamo ancora qui a far finta di nulla!

SAMING

Lun, 24/09/2018 - 11:43

L'Islam è una iattura. Nessun paese islamico ha firmato la convenzione di Ginevra sui diritti umani.Persino ai medici islamici è proibito pronunciare il giuramento di Ippocrate. E' di pochi giorni fa l' omicidio di un omosessuale che è stato gettato vivo dal palazzo più alto della città e poi finito con sassi e bastoni dalla piccola folla che si era radunata sotto a godersi lo spettacolo. Questa pseudo religione che predica l'assassinio dei non credenti e li dileggia chiamandoli cani e porci non è conciliabile con i nostri valori ed andrebbe messa al bando come il nazismo.

alfonso cucitro

Lun, 24/09/2018 - 12:08

Italiani svegliamoci e cacciamo gli islamici dall'Italia. Il governo faccia leggi ber precise per arginare questa invasione e indaghi su tutte le moschee esistenti (si attui li stesso sistema che usano gli islamici nei loro paesi verso i cattolici), sul loro flusso di denaro e sui programmi di diffusione nel loro interno.

tRHC

Lun, 24/09/2018 - 12:11

perche' siamo costretti a dare i terreni e i permessi per costruire?

Renee59

Lun, 24/09/2018 - 12:14

Militarizziamo il Paese, è l'unica soluzione. Ormai, dato che il PD ci accusa anche di questo, che sia cosi'.

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Lun, 24/09/2018 - 12:18

Oriana lo aveva previsto...

jenab

Lun, 24/09/2018 - 12:23

si ma noi abbiamo l'arma potente dell'integrazione!!!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Lun, 24/09/2018 - 12:37

Francischiello di roma (il papa falso) non dice niente o gli sta bene,proprio bene?

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 24/09/2018 - 12:45

Le moschee mom dovrebbero essere costruite ne in Italia ne nel resto d'Europa almeno finquando l'islam non farà una profonda revisione e riconoscerà le altre relioni. La loro cultura non ci appartiene dicevano che venivano in occidente per integrarsi ma invece vogliono imporci la loro "cultura e religione" e questo grazie anche a politici compiacenti molto sensibili al denaro. La Fallaci aveva già previsto tutto con largo antocipo.

agosvac

Lun, 24/09/2018 - 13:20

Probabilmente i Sauditi ancora non sanno che Minniti non è più Ministro dell'Interno. Ora c'é Salvini e dubito sia così pronto all'invasione islamica. Personalmente contro l'Islam non ho niente, purché se ne stia nei loro paesi e non rompa le scatole in Italia. Capisco che in Italia vige la libertà di professare la religione che si vuole, ma non una religione che è contraria alle leggi italiane!!! La shariah , legge fondamentale dell'Islam, è contraria a tutte le leggi italiane ed essendo fuori legge non può essere accettata dal Governo italiano.

vince50

Lun, 24/09/2018 - 13:40

Da che mondo è mondo l'invasore si ostacola con la forza,ma non illudiamoci vinceranno loro.

Tip74Tap

Lun, 24/09/2018 - 13:50

La sinistra ci ha portato la serpe in casa e quando ci sarà da difenderci ci diranno che siamo noi i cattivi esattamente come tanti anni or sono.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 24/09/2018 - 13:54

Eccovi spiegato come fa un operaio islamico ,al minimo sindacale, a mantenere mogli e sette figli. Oltre, ovviamente, a tutte le agevolazioni previste dai governi rossi.

Marguerite

Lun, 24/09/2018 - 14:39

Ancora una volta, è UNICAMENTE COLPA DELL’ITALIA !!! Basta che le moschee non abbiano diritto di essere finanziate da un paese estero e che la predica sia fatta SOLO in Italiano !!!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 24/09/2018 - 14:39

Questo è uno dei motivi per cui la gente ne ha le balle piene dei sinistricoli.

Teobaldo

Lun, 24/09/2018 - 15:01

insisto a dire che come il fascismo e il nazismo arrivarono al potere grazie alla loro prepotenza ma anche grazie all'acquiescenza di chi dovendo combatterli usava i guanti bianche contro chi usava la clava, e così mi sembra capiti oggi con l'islam...ma poi bisognerà piegare tutti a buco pillonzi? immaginate che scorregge ci saranno....e sicuramente ci sono..

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Lun, 24/09/2018 - 15:09

Vietarlo assolutamente per motivi di sicurezza.

Ritratto di tangarone

tangarone

Lun, 24/09/2018 - 15:09

Cacciarli via tutti no eh, mi raccomando, l'imam bianco non vuole

dakia

Lun, 24/09/2018 - 15:27

Ma se si faranno verità i rimpatri non c'è da preoccuparsi delle loro moschee,tolte le torri, come hanno fatto della S. Sofia o blu turca, ne faremo una volta fuori i frequentatori, delle sale da ricevimenti e cose simili, scuole e campi per sport. basta il nostro governo mantenga la parola seppure...l'espressione nella foto presentazione leggi, l'espressione del nostro amato PdC non mi appare molto soddisfatta delle misure prese.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 24/09/2018 - 16:05

Semplice. Chiediamo agli stessi paesi arabi, che li mantengano loro, con altre donazioni oppure, ci va bene uguale, col dimezzamento della bolletta petrolifera. Lasciamo scegliere a loro.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 24/09/2018 - 16:58

Salvini, vedi di risolvere anche questa questione!!!

Amazzone999

Lun, 24/09/2018 - 18:46

Non bisogna concedere moschee, sono antitetiche alle costituzioni, ai valori,alle leggi e alla cultura dell'Occidente. Il vero Antioccidente, scriveva Braudel, è il mondo islamico. Lo schema si ripete sempre uguale, dal VII secolo: penetrazione territoriale e ambientale, dissimulazione e vittimismo finché i musulmani osservanti sono pochi, intanto continuano le strategie di proselitismo, finanziamenti e richieste, appropriazione e possesso del territorio, anche con la costruzione di moschee e centri culturali.Quando sono tanti crescono le intimidazioni, le pressioni, le richieste, l'arroganza, la Legal jihad, le accuse di islamofobia, per giungere all'obiettivo finale: l'imposizione della sharia. L'Islam è una legge e un totalitarismo autoreferenziale, non concepisce l'altro da sé, è un connubio inscindibile di politica e religione. Le moschee ne sono l'espressione.

Amazzone999

Lun, 24/09/2018 - 19:18

II parte. Per pregare ai musulmani basta un territorio circoscritto (vedi l'uso del tappeto). Le moschee sono un luogo politico-religioso, manifestano l'islamizzazione dell'ambiente, marcano e trasformano il territorio che diventa, per sempre, parte dell'Islam. Cito le parole del premio Nobel V.S. Naipaul nel prologo a Fedeli ad oltranza: " L'Islam è originariamente una religione araba; tutti i musulmani non arabi sono convertiti. L'Islam non è solo una questione di coscienza o fede personale: ha aspirazioni imperialistiche. Il convertito cambia la sua visione del mondo, perché i luoghi santi sono in terra araba, perché la lingua sacra è l'arabo. Cambia pure la sua idea della storia: il convertito rinuncia alla propria e diventa, che gli piaccia o no, parte della storia araba. Quindi deve voltare le spalle a tutto ciò che gli è proprio....". Vogliamo questo?