Orrore in India: bimba di 7 anni violentata con un tubo di metallo

La piccina è finita in ospedale a causa di una gravissima emorragia. L'orco, un ragazzo di 21 anni, è stato arrestato

Orrore in India: bimba di 7 anni violentata con un tubo di metallo

Una notizia choccante quella che ci giunge dall'India, dall'ennesimo caso di abusi le cui vittime sono sempre i bambini. Secondo la stampa locale una piccina di appena 7 anni è stata violentata da un orco di 21 anni, il quale per compiere l'orrore si è servito di un tubo di metallo per l'acqua. Il mostro è stato arrestato dalla polizia, mentre la bimba si trova tutt'ora all'ospedale di Nuova Dehli in condizioni critiche, dopo aver riportato una grave emorragia ed essere stata prontamente operata dal personale medico della capitale indiana. Inoltre la bambina a detta dei medici era molto denutrita.

Secondo la ricostruzione dei tragici fatti ad opera degli inquirenti, il ragazzo avrebbe attirato l'attenzione della piccola in un parco di Seemapuri, nel distretto di Shahdara, un quartiere nord-orientale della città, poi avrebbe compiuto la becera violenza.

Swati Maliwal, presidente della Commissione per le donne di Delhi, si è lasciata andare ad un tweet di dura condanna per questo episodio abominevole: "La bambina ha sanguinato incessantemente, non riesco a descrivere il dolore che sta provando dopo la violenza subita. Era già malnutrita, stiamo elaborando un programma di riabilitazione per lei, ha un lungo percorso davanti. La sosterremo nella sua battaglia legale per assicurare la pena di morte ai suoi colpevoli, presenterò domanda di risarcimento e farò tutto il possibile per riabilitarla".

Visti i tantissimi casi di stupri ai danni di bambini e adolescenti, lo scorso mese di aprile in India sono state inasprite le pene per questo genere di reato, che arrivano sino alla pena di morte se la vittima della violenza ha un'età inferiore ai 12 anni: secondo Maliwal però, questa misura non è ancora prevista nella città di Dehli.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti