Jihadi John a volto scoperto: "Torno in Gran Bretagna per tagliare teste"

"Io sono Mohamed Emwazi. Tornerò presto in Gran Bretagna con il Califfo" dove "continuerò a tagliare teste e ad uccidere i (kafir) miscredenti"

Jihadi John a volto scoperto: "Torno in Gran Bretagna per tagliare teste"

Torna a far sentire la sua voce Johadi John, il tagliagole dell'Isis di origine britannica ricercato oer l'assassionio di James Foley decapitato il 9 agosto del 2014. Appare per la prima volta a volto scoperto in un filmato in cui avverte: "Io sono Mohamed Emwazi. Tornerò presto in Gran Bretagna con il Califfo (il leader di Is, Abu Bakr al Baghdadi)" dove "continuerò a tagliare teste e ad uccidere i (kafir) miscredenti".

A rivelarlo è il Mail on Sunday che ha ottenuto un estratto delle immagini del uomo dell'Is che era apparso, l'ultima volta a gennaio, mentre decapitava l'ostaggio giapponese Kenji Goto, ultima delle sue sette vittime. Il primo du il 9 agosto 2014 l'americano James Foley, seguito dal connazionale Steve Sotloff, i britannici David Haines e Alahan Henninh, l'americano Peter Kassig e il primo giapponese, Haruna Yukawa.



Il video, girato con un telefonino vicino a Dei-Ezzor in Siria due mesi fa in segreto da un membro del Libero Esercito Siriano (elemento discordante perchè si tratta dei cosiddetti ribelli anti-Assad moderati, nemici dei jihadisti), scrive il Mail, sarebbe stato poi fatto avere ad un altro ribelle conosciuto come Abu Rashid, originario di Aleppo, che vive in Bulgaria a Sofia. Quest'ultimo l'avrebbe ricevuto direttamente sul telefonino attraverso un'app usata dai jihadisti, Viber. Sulla testa di Emwazi, alias Jihadi John, pende una taglia posta dagli americani di 10 milioni di dollari.

Commenti