Il killer di Halle confessa: "Spinto da movente antisemita"

Fermato dalle forze dell'ordine, il 27enne autore dell'attacco alla sinagoga di Halle ha confessato e ammesso di aver agito spinto da ideologia di estrema destra

Il killer di Halle confessa: "Spinto da movente antisemita"

Ha ammesso di aver agito spinto da movente antisemita e ideologia di estrema destra. Così Stephan Balliet, 27enne tedesco mente dell'attacco di pochi giorni fa alla sinagoga di Halle in Germania, ha confessato. Lo riferisce la stampa tedesca.

In diretta su un sito di videogame online, nel giorno dello Yom Kippur, Balliet ha messo in atto il suo diabolico piano: ha raggiunto la sinagoga della città e aperto il fuoco. Nel brutale attacco sono rimaste uccise due persone. Trentacinque minuti di terrore per le strade della cittadina tedesca, bloccati dall'intervento delle forze dell'ordine che hanno fermato il 27enne.

"Voleva uccidere più anti-bianchi possibili, soprattutto ebrei". È poi emerso dal 'manifesto' dell'attentatore, su Internet da inizio ottobre. Un documento Pdf di dieci pagine che mostra le foto di armi e munizioni utilizzate nell'attacco e dove si indica come obiettivo quello di "uccidere il maggior numero di ebrei possibile".

Fermato dalle forze dell'ordine prima che potesse uccidere ancora, il 27enne è stato sottoposto a un lungo interrogatorio. Lì ha confessato tutto e confermato il movente di estremismo di destra ipotizzato dagli inquirenti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti