Libia, bombardato centro detenzione per migranti

L'attacco attribuito alle forze del generale Haftar ha fatto almeno 40 morti e 80 feriti. Sarraj accusa: "Bombardamento aereo premeditato"

La Libia torna a infiammarsi. Questa notte un bombordamento aereo ha raso al suolo il centro di detenzione di migranti di Tajoura che si trova alla periferia orientale di Tripoli. "La maggior parte delle vittime sono migranti africani", riportano le fonti locali secondo le quali nell'attacco sarebbero morte almeno quaranta persone e ne sarebbero rimaste ferite altre ottanta. Ma si teme che il bilancio delle vittime sia destinato a peggiorare.

Nel centro di detenzione si trovavano in prevalenza migranti provenienti dal Sudan, dall'Eritrea e dalla Somalia. Il governo di unità nazionale del primo ministro Fayez al Sarraj ha accusato le forze della Libian national army (Lna) del generale Khalifa Haftar del raid aereo su Tajoura parlando di attacco "premeditato" e "preciso" e denunciato "il crimine odioso". Accuse che, però, sono state subito rispedite al mittente. Nei giorni scorsi il leader della Cirenaica, che controlla gran parte della Libia orientale e meridionale, aveva tuttavia annunciato "decisivi raid aerei su postazioni selezionate" appartenenti all'esercito del presidente del governo di Accordo Nazionale riconosciuto a livello internazionale (Gna). Non è, infatti, la prima volta che quell'area viene presa di mira dai bombardamenti. Quando all'inizio dello scorso aprile era stata lanciato l'offensiva per prendere la capitale, i raid erano arrivati a colpire un'accademia militare nella periferia di Tripoli e una caserma probabilmente non utilizzata da nessuno che si trova nella zona di Zuara, non lontano dagli impianti petroliferi di Melitah che sono gestiti dalla Libyan Oil Company e dall'Eni.

L'attacco di questa notte ha rimesso al centro del dibattito internazionale la sicurezza della Libia per gli stessi migranti. Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, che nei giorni scorsi si era già espresso contro il respingimento dei clandestini, ha affermato che quest'ulteriore tragedia mostra "l'atroce impatto della guerra sulla popolazione civile". "Occorre garantire, immediatamente, misure di seria protezione per i civili - ha continuato - e trasferire i migranti che si trovano nelle strutture di raccolta in luoghi al sicuro dai combattimenti e sotto la tutela delle Nazioni Unite". "I civili non devono mai essere un obiettivo", ha fatto eco l'Unhcr, l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di rifugiati, spiegando che nei trovano nei centri di detenzione vicini alla zona dei combattimenti si sono circa 3.500 i migranti e che tutti questi sono a rischio.

Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mer, 03/07/2019 - 08:14

che mera fatalita'...dopo che sono messi in atto i respingimenti,che fanno? cosi' dovremo accogliere tutta l'africa!!

Albius50

Mer, 03/07/2019 - 08:17

Mandiamo un bella nave non MILITARE raccattiamo i PROFUGHI e portiamoli a Amburgo, Rotterdam e Marsiglia e poi voglio vedere se la loro GIUSTIZA si comporta come la nostra.

Ritratto di akamai66

akamai66

Mer, 03/07/2019 - 08:20

ATTENZIONE! Ricordatevi della Corvetta Sibilla che nel 1997 speronò e affondò una nave clandestina albanese, perchè i compagni farebbero venire giù il mondo!

Ritratto di tox-23

tox-23

Mer, 03/07/2019 - 08:20

Terribile. Ci mancava pure questa, già la Libia non era considerata porto sicuro prima, figuriamoci adesso.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 03/07/2019 - 08:21

E se ci fossero stati dentro i vostri figli? Propongo un gesto di civiltà: creare un corridoio umanitario, mandare le navi della Marina Italiana a Tripoli, imbarcare questi poveri disperati ed accoglierli volontariamente a casa nostra. Sarebbe un gesto di grande civiltà che ci riscatterebbe in parte dalle magre figure che stiamo accumulando di fronte al mondo intero.

Amazzone999

Mer, 03/07/2019 - 08:25

Sorge un dubbio. Gioco sporco franco-tedesco in alleanza con il generale Haftar, ai confini con l'Italia, e quindi con l'Europa, ma condotto con scopo dimostrativo, dopo le posizioni franco-tedesche nell'affare Sea Watch? Resta una constatazione. Incapacità dell'UE di gestire una crisi regionale nelle sue vicinanze e cecità nel valutare e controllare una partita geopolitica complessa e assai pericolosa anche per il futuro europeo.

oceanicus

Mer, 03/07/2019 - 08:28

Voglio esprimere un profondo GRAZIE DI CUORE a questo giornale che ci permette di esprimere le nostre idee in piena libertà. Altri "giornali" se non si è allineati alla loro linea censurano tutti i commenti. A cominciare da quelli più noti.

donzaucker

Mer, 03/07/2019 - 08:29

Fortuna che in Libia i porti sono sicuri....

Ritratto di gianky53

gianky53

Mer, 03/07/2019 - 08:31

Prepariamoci alla nuova emergenza, adesso hanno creato anche il pretesto perfetto per il quale dalla Libia in fiamme scappano tutti i poveri profughi e noi abbiamo l'obbligo di accogliere.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Mer, 03/07/2019 - 08:32

Adesso toccherà trovarvi un altro "porto sicuro" dove portare in vacanza i vostri figlioletti in estate. Credo che questa colonia non sarà più disponibile per i prossimi mesi. Se posso consigliarvi, vi suggerirei una piccola Disneyland nel sud della Libia, conosciuta come "il ghetto di Alì", a Sabha, dove pare facciano dei numeri spettacolari con i bastoni, le fruste, l'acqua e l'elettricità. Se ci andate non dimenticare di mettere la vostra recensione su Tripadvisor.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 03/07/2019 - 08:37

Questo è tutto merito del micron per aver mosso guerra a gheddafi,magari su consiglio della mamma.

DaniBona

Mer, 03/07/2019 - 09:02

Ma non era un porto sicuro?

cardellino

Mer, 03/07/2019 - 09:03

Poi secondo il felpino queste persone non hanno il diritto di trovare un posto sicuro. Non mi interessa dove. Sono persone e dobbiamo fare di tutto per aiutarle. Al più presto. Altro che incontri segreti con il presidente per risolvere cosa LEONCAVALLINO? SMETTILA DI BLATERARE TORNATE NELLE TUE BETTOLE CHE SOL OQUELLO è IL TUO POSTO. LOGICAMETE MOLTI COMMENTATORI SCHIACCIATORI DI TASTI SARANNO FELICI PER QUESTO MASSACRO E BRINDERANNO. L'umanità non appartiene a loro. gentaglia da evitare e ignorare.

Ritratto di Azo

Azo

Mer, 03/07/2019 - 09:06

Mi chiedo se l`immane sapienza che abbiamo a Brussel, possa immaginare il danno fatto dalla Merkel, con la sue parole fatte alle stampe internazionali: "LE FRONTIERE TEDESCHE SONO APERTE A TUTTI I MIGRANTI"!!! Parole che hanno creato un EXODUS nei paesi colonizzati dai paesi che si dicono "CIVILI"!!! """ SE DOBBIAMO AIUTARE QUESTI PAESI CHE SCAPPANO DA GUERRE E CARESTIE, NON DOBBIAMO PENALIZZARE LA PARTE PIU DEBOLE DELLA POPOLAZIONE, MA LE MULTINAZIONALI, I MERCANTI DI ARMI E TUTTI COLORO CHE SI SONO ARRICCHITI, SFRUTTANDO LA LORO EX COLONIE"""!!!

Hapax15

Mer, 03/07/2019 - 09:07

Poche ciance, si passi ai fatti, avale mandiamo sine indugio 200 navi tipo la Vlora del 1991, con tanti bei cloni carolati o casarinati, le stipiamo all'inverosimile (20000 immigrati per ciascheduna), e ne portiamo in Italia 200x20'000=4'000'000.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 03/07/2019 - 09:19

Del resto la Libia è un "Place of Safety" secondo qualche cerebroleso ...

Ggerardo

Mer, 03/07/2019 - 09:26

Ma Salvini non aveva detto che la Libia e' un porto sicuro ?

Ritratto di refugeesnotwelcome

refugeesnotwelcome

Mer, 03/07/2019 - 09:36

Dispiace per le vittime. Ora qualcuno troverà il modo di dare la colpa di questa tragedia alla Lega e a Salvini.

Ritratto di abc1234

abc1234

Mer, 03/07/2019 - 09:39

Ditelo a chi dice che la Libia è un porto sicuro

carpa1

Mer, 03/07/2019 - 09:47

Moavero sveglia! Le N.U. si trovano a New Ypork, dentro un palazzone di vetro, ch succhiano risorse a quattro palmenti: che cosa vuoi che gliene freghi di questi individui. Crepano sotto le bombe? Muoiono nel deserto? Annegano in mare dopo aver pagato profumatamente i criminali di TUTTA la catena organizzativa per un passaggio che non sapranno mai come andrà a finire? Riescono alla fine ad arrivare in ITALIA? Tutti problemi in meno, tanto i soldoni arrivano sempre per i lauti stipendi degli eletti difensori dei diritti umani che stanno lì a grattarsi le sfere (anche perchè i suddetti criminali non corrono alcun rischio, al riparo delle nostre belle leggi e delle loro interpretazioni).

sbrigati

Mer, 03/07/2019 - 09:49

A chi giova questa carneficina se non a macron e compagni che ora vorranno riempici di "migranti . Ma guai a dirlo .

Ritratto di vincenzo69

vincenzo69

Mer, 03/07/2019 - 09:55

..Haftar bombarda un centro accoglienza in Libia?..che coincidenza!..questa e' la prova che la Libia non e' un porto sicuro e alla luce del processo "farsa" del capitano Carole tutti coloro intenzionati a destabilizzare la democrazia e l'identita' dell'Italia si sentiranno autorizzati ancor piu' a chiedere che tutta l'Africa invada la nostra nazione..lo scopo di Haftar e' quello di impadronirsi della Libia e per quale strategia militare (se ce ne fosse una) avrebbe dovuto bombardare un centro per immigrati?..Haftar e Macron sono palesementi alleati per ragioni politico-militari il primo e ragioni di interesse nazionale il secondo (leggete le dichiarazioni del presidente del centro studi internazionali)..la Francia attacca la politica Italiana sull'immigrazione voluta da Salvini perche' lede (a loro dire) il diritto dell'immigrato ... una domanda a tutti voi: perche' Haftar ha bombardato quel centro immigrati e chi e' l'ideatore satanico di questo ignobile atto?

ginobernard

Mer, 03/07/2019 - 09:55

questo è il risultato della guerra scellerata in Libia. Permessa dal campione dei dem Mr.Obama. Ecco il risultato ... devastazione, miseria, morte. E pensare che è stato pure insignito del premio nobel per la pace !!! se buttava la bomba atomica lo facevano santo ?

cgf

Mer, 03/07/2019 - 10:01

Sarò visionario, ma Macron sapeva PRIMA, non dico abbia avuto l'idea, ma certamente sapeva che sarebbe successo

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 03/07/2019 - 10:05

@stamicchia Molto bello, molto "umano" ma difficile da fare. La soluzione è creare centri gestiti dall'Onu o dalla UE lungo le principali rotte migratorie dove siano portate le persone presenti il Libia o comunque intercettate lungo il percorso. Lì potrebbero presentare domanda di ingresso in Europa e da lì, sempre sotto la supervisione dell'ONU o della UE potrebbero essere riaccompagnate via terra, sotto protezione, nei paesi di provenienza quando non accoglibili. E la Libia va stabilizzata con le armi.

Vad

Mer, 03/07/2019 - 10:11

A... proposito di fini giuristi da tastiera e del fine ministro Salvini che per mesi hanno definito la Libia un porto sicuro dove portare indietro i migranti ... Complimenti ...

ectario

Mer, 03/07/2019 - 10:12

Stamicchia: ha spazi utili vicino casa sua? ma soprattutto paga lei e quegli altri, per ora 4 o 5, che fanno ironia? La faccia lei e quegli altri 4 o 5 la "bella figura". Il PdR si guarda bene di verificare la volontà del popolo (popolo? chi è costui per la SX.) Perchè, sicuramente, 2/3 del popolo di queste "belle figure" ne ha piene le scatole.

killkoms

Mer, 03/07/2019 - 10:16

@el pi rl esente e altri.fino a prova contraria,i sedicenti migranti in libia ci sono entrati clandestinamente e pagando dei criminali! Porto buono solo per le partenze?

Ritratto di MARKOSS

MARKOSS

Mer, 03/07/2019 - 10:17

stamicchia Mer, 03/07/2019 - 08:21 E se ci fossero stati dentro i vostri figli? Propongo un gesto di civiltà: creare un corridoio umanitario, mandare le navi della Marina Italiana a Tripoli, imbarcare questi poveri disperati ed accoglierli volontariamente a casa nostra. Sarebbe un gesto di grande civiltà che ci riscatterebbe in parte dalle magre figure che stiamo accumulando di fronte al mondo intero. SI FACCIANO AVANTI I DETENTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA I 5 MILIONI IN POVERTÀ ASSOLUTA...

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 03/07/2019 - 10:23

@abc1234: Tripoli è un porto sicuro. Come mai mercantili di ogni nazione, ormeggiano, caricano è scaricano...se non fosse sicuro si sarebbero tenuti alla larga!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 03/07/2019 - 10:27

Ma guarda, capita a puntino. Ora non possiamo più sottrarci, dobbiamo accogliere tutta l'Africa. E chi ha osato pensare di mettere un freno agli sbarchi, se prima era un fassista, ora diventa proprio un criminale di guerra, come i Dem volevano. Ma guarda un po'. Avanti, un miliardo e trecento milioni di africani sono da accogliere al più presto.

Lugar

Mer, 03/07/2019 - 10:35

Trovo assurdo il razzismo. Detto questo, trovo assurdo anche l'accoglienza senza limiti e aggiungo che il 60% la pensa come me, il 10% vive fuori dalla realtà e quindi si astiene, il rimanente 30% è il vero problema. Ma questo 30% va ulteriormente suddiviso in plagiati, plagiatori e interessati. N.B. Questi dati statistici li ho rilevati nella trasmissione di N. Porro.

Edith Frolla

Mer, 03/07/2019 - 10:39

In Libia non ce li portano, scelgono gli africani di andarci: scelte loro cavoli loro.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 03/07/2019 - 10:40

@akamai66, ricordo bene lo speronamento e l'affondamento della nave carica di profughi albanesi. Ricordo che era in carica il governo dalema. erano albanesi che sfuggivano ad un regime comunista. il timore era riempirsi di anti comunisti che piu' tardi avrebbero potuto votare per il centro destra. negli anni i comunisti si sono evoluti.

pc1966

Mer, 03/07/2019 - 10:46

Una certa parte della comunità europea e internazionale ha tutto l'interesse ad avere una Libia in FIAMME. La libia non deve essere un porto sicuro!!! Un timing eccezzionale tra l'incontro di Sarraj con Il MINISTRO degli interni Italiano Matteo Salvini et le bombe di Hftar su dei profughi. La Libia non deve essere un porto sicuro! Signori SVEGLIAAAAA qui stanno facendo di tutto per destabilizzare l'ITALIA!!!! 40 Morti per decretare un paese non sicuro e giustificare l'operato delle ONG con la liberazione della Terrorista tedesca. Che SCHIFO!!!!

oceanicus

Mer, 03/07/2019 - 10:51

Come in altri paesi evoluti. Si entra in base alla richiesta di uno sponsor preciso e definito, solamente italiano, che ne diviene responsabile da un punto di vista civile, penale ed economico per 10 anni. Tale richiedente dovrà fare apposita domanda ad un ufficio preposto dal governo, allegando documentazione e tasse varie. Così i troll di questo spazio potranno accasarsene quanti ne vogliono.

momomomo

Mer, 03/07/2019 - 11:19

..."...Bombardamento aereo premeditato..."... Si che premeditato! Premeditato da chi non vuol far cessare il flusso dell'immigrazione clandestina verso l'Italia, perché da qui ci guadagnano fior di milioni sia gli organizzatori, che i loro complici sia a livello nazionale che, e soprattutto, a livello internazionale, per non parlare poi di guadagni a livello politico e militare....

Ritratto di ilmax

ilmax

Mer, 03/07/2019 - 11:20

Qualcuno dovrà pure destabilizzare e minacciare quella zona, per far arrivare da noi l’Africa intera.

kennedy99

Mer, 03/07/2019 - 13:06

perchè nessuno si domanda come mai questi subshariani siano finiti in libia.a mè hanno sempre insegnato che chi è causa del suo mal pianga se stesso. gli africani devono solo battersi il petto e dire mea culpa. e non incolpare nessuno.

Rixga

Mer, 03/07/2019 - 13:09

I soliti francesi...sempre cose sotto banco e continuano a destabilizzare la Libia dopo che al Sarraj ha parlato con Salvini. E tutti i ciuchi di sinistra pro immigrazione a cascarci.

STREGHETTA

Mer, 03/07/2019 - 13:12

( Coincidenze e giustizia )(..)Quelle per cui contano solo le vite africane, ma neppure di striscio quelle dei marinai italiani a cui hanno attentato con vergognosa prepotenza? Vogliamo salvare i libici? E allora li si porti in Francia,perché è stata la Francia di Sarkozy ad aggredire e destabilizzare la Libia, per chiari interessi economici. Alla Francia spettano di diritto ( diritto umanitario e di coscienza ) tutti i " salvati ". Ma di sicuro, se così venisse stabilito secondo giustizia, scoprirebbero di colpo che non si tratta di poveracci in procinto di affogare, ma di concordati e lucrosi traghetti di migranti economici. E li respingerebbero. Vogliamo provare? Se ci fosse una giustizia, un diritto, così si farebbe, e l'esito è scontato.

fabiotiziano

Mer, 03/07/2019 - 13:18

Alla faccia del porto sicuro di salviniana memoria!

agosvac

Mer, 03/07/2019 - 13:55

Magari questi bombardamenti convinceranno chi va in Libia per "migrare" a non andarci più facendo un enorme favore all'Europa ed all'Italia. Per quanto riguarda il nostro Ministro degli Esteri, non essendo una questione italiana che gliene ne frega????? Si occupi piuttosto dell'Italia e di come l'UE tedesca stia cercando di rovinarla!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 03/07/2019 - 14:00

E il BUSINESS RIPARTE!!!! Evviva, per la gioa di COCOMERIOTAS e affini!!! La domanda da farsi pero e!!! Chi ci obbliga a mantenerli!!! Negli USA chi entra illegalmente, PRIMO non puo fare domanda da PROFUGO, SECONDO non viene mantenuto neanche per un giorno e TERZO non ha diritto a cure e medicinali senza pagarseli. E nessuno neanche il Papa, a mai avuto niente da dire!!! IMPARIAMOOOO Comandante!!!! AUGH.

Italy4ever

Mer, 03/07/2019 - 14:14

Quindi: siamo il Libia e Haftar (libico) attacca un centro migranti (in Libia). Migranti da Sudan, Eritrea e Somalia. Tutti condanneranno ma alla fine lui sarà ancora lì e i "poveri migranti" quì!!! Se scappano dalla guerra ci sono altri paesi vicini dove rifugiarsi, ma alla fine li ritroveremo ancora in Italia. Perchè la nostra buonista sinistra non va a caricarli direttamente il Libia??? E poi magari gli trova casa...FUORI DALL'ITALIA!!!

Drprocton

Mer, 03/07/2019 - 14:25

Da certi commenti si capisce bene che il quoziente intellettivo di questi chattatori è quello che è e non c'è possibilità alcuna di potere dialogare costruttivamente con loro. O la pensi come loro o si è idioti quando potrebbe essere invece il contrario. Il punto è non la Libia porto sicuro ma perché tutti in Italia? Ormai renzino è stato sbugiardato con quell'accordo folle di avere più flessibilità in cambio di portarli tutti in Italia. Si è capito che c'è una mangiatoia spaventosa. Ma nessuno spiega

Robdx

Mer, 03/07/2019 - 15:19

Secondo qualche cerebroleso la Libia è un posto sicuro per partire però...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 03/07/2019 - 16:18

@Robdx No, per qualunque sano di mente è un posto da cui andarsene il più presto possibile e infatti cercano di scapparne di corsa. Perché lei è forse convinto che ci vadano con l'obiettivo di soggiornarvi un secondo in più di quello strettamente necessario per imbarcarsi?

apostrofo

Mer, 03/07/2019 - 16:30

Non essendo un obiettivo militare, in questa enorme pressione migratoria di fatto verso l'Italia che cerca di limitare l'immigrazione, CON TUTTE LE ONG PRONTE A SCARICARCI "UMANAMENTE" CENTINAIA DI MIGLIAIA DI CLANDESTINI, A CHI GIOVA QUESTO BOMBARDAMENTO ??

killkoms

Mer, 03/07/2019 - 16:30

@fabiotiziano,allora perché ci vanno?porto sicuro solo in partenza?

antonmessina

Mer, 03/07/2019 - 18:21

ma non vi viene il dubio che sia un bombardamento ad arte per due motivi uno far credere che i porti libici non siano sicuri , secondo per rifilarci tutti i delinquenti palestraati che sono ancora da quelle parti per LORO volere e non certo perche li abbiamo chiamati noi

Scirocco

Mer, 03/07/2019 - 18:21

Quelle bombe hanno sicuramente scritto sopra "Macron-Merkel". Magari sapendo che li bombardano ancora prima di riuscire a salire su un barcone gli africani smetteranno di dirigere verso la Libia e quindi cesseranno anche gli arrivi da noi.

ESILIATO

Mer, 03/07/2019 - 18:30

Questo e' il segnale che i libici sono stanchi di avere questi individui nel loro paese.