Migranti gay, la Danimarca rispedisce in Uganda tre donne lesbiche

Le autorità di Copenhagen hanno rifiutato la protezione internazionale a tre donne dell'Uganda, dove vige una severissima legislazione contro i gay

Non tutti i migranti gay hanno diritto all'asilo in Europa. La Danimarca ha negato il diritto d'asilo a tre donne lesbiche che fuggivano dall'Uganda, dove vige una severa legislazione contro gli omosessuali.

A riferirlo è l'agenzia di stampa Ritzau, che racconta come le tre siano state respinte nel Paese d'origine perché la commissione incaricata di valutare la loro storia abbia giudicato il loro racconto insufficiente a garantire la protezione internazionale.

In Uganda effettivamente il governo ha da tempo inasprito le leggi per punire gli atteggiamenti omosessuali, con l'atto anti-omosessualità del 2014, che ha stabilito l'ergastolo per chi viene sorpreso a consumare rapporti con persone dello stesso sesso (in origine era addirittura prevista la pena di morte).

La decisione delle autorità danesi è stata aspramente criticata dai gruppi di difesa dei diritti degli omosessuali: "Il rischio di persecuzione di gay e lesbiche, delle loro famiglie e di tutti i loro clan è molto concreto - spiega a Ritzau Hanne Gyberg, del gruppo Lgbt Asylum - Se vengono attaccati, minacciati o addirittura uccisi, gli omosessuali non possono contare sull'aiuto della polizia."

"Crediamo che la decisione della commissione per l'asilo si basi su presupposti sbagliati - conclude la Gyberg - La Danimarca dovrebber riconsiderare questi casi."

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 25/07/2016 - 14:18

Anche perché quella di spacciarsi come perseguitati in quanto omosessuali è uno dei tanti stratagemmi messi in atto dai furbetti che le provano tutte. Basta chiedere ai componenti le commissioni che sono costretti ad ascoltare le loro storie, le più fantasiose. Chi non conosce l'Africa non può nemmeno immaginare quante balle ci propinano i negri per impietosire.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 25/07/2016 - 14:21

Solo a quelli?

Una-mattina-mi-...

Lun, 25/07/2016 - 14:47

SEMPRE PEGGIO. DOPO GLI ILLIMITATI VITELLONI, DALL'IDENTITA' AUTOCERTIFICATA, ARRIVANO I PASCIUTI AUTOCERTIFICATI SESSUALI, DA MANTENERE AD UFO PER ANNI.

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Lun, 25/07/2016 - 14:52

Dovremmo farlo anche noi

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 25/07/2016 - 15:31

Attendo una protesta ufficiale del governo italiano...

roseg

Lun, 25/07/2016 - 17:14

non ci resta che ridere!!!

killkoms

Lun, 25/07/2016 - 17:44

bisognerebbe capire come e perché,alcuni paesi europei possono sbattere,impunemente,la porta in faccia ad un "richiedente asilo",mentre se lo fa l'Italia,subito arrivano le proteste del governo centrale ue e magari la condanna della sacra corte..!

killkoms

Lun, 25/07/2016 - 17:48

per la cronaca,pare ci siano stati casi (in europa) di pseudomigranti che accolti per motivi umanitari,in quanto gay provenienti da paesi in cui l'omosessualità è considerata reato,abbiano successivamente fatto domanda per il "ricongiungimento familiare"!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 25/07/2016 - 18:26

I mediatori culturali hanno un ricco elenco di "cause" tra le quali scegliere per i migranti una storia credibile non appena arrivati. Questi vengono istruiti, capiscono e ne prendono una. Probabilmente questa "causa" era a fondo lista e finora non l'aveva ancora scelta nessuno, le tre ugandesi avranno pensato: dai diciamo così, che magari ci va fatta bene. Ricordo un caso esilarante di una coppia di ivoriani giunti in itaglia che dissero di essere "perseguitati" dai loro stessi familiari. Sistemati e mantenuti con tutti gli onori e i sussidi possibili, poi si scoprì che ogni anno andavano a farsi la vacanzina proprio presso la famigliola africana dei persecutori. Immagino gli ilari convivi africani nei quali tutti ridevano a crepapelle dei poveri gonzi italioti.

Linucs

Lun, 25/07/2016 - 20:16

Spostatevi nel paese vicino. In Europa nessuno vi vuole.

edo1969

Lun, 25/07/2016 - 20:33

o a tutti o a nessuno, che senso ha?

Ritratto di ettocima

ettocima

Lun, 25/07/2016 - 20:33

Glisso sulla liceità della discriminazione, limitandomi a porre una domanda. Ma come acclarano le tendenze degli omosex? Con domande tipo: acquaiuolo cumm'è l'acqua. Risposta: cumm a neve (traduco. Acquaiuolo, come è l'acqua? Ovvia risposta: fresca come la neve).Certo è singolare. Si accettano i terroristi e si respingono gli omosessuali. Frutto dei tempi o difattori climatologici che, evidentemente, portano il caldo al nord.