Mongolia Interna: la prima regione autonoma della Cina

La Regione autonoma della Mongolia interna è stata istituita il primo maggio 1947, cioè prima della fondazione della RPC, costituendo la prima zona in cui è stata attuata l’autonomia etnica locale

Mongolia Interna: la prima regione autonoma della Cina

La Regione autonoma della Mongolia interna è stata istituita il primo maggio 1947, cioè prima della fondazione della RPC, costituendo la prima zona in cui è stata attuata l’autonomia etnica locale. La Regione è situata nel nord della Cina e confina con la Russia e la Repubblica Popolare Mongola, coprendo una superficie di un milione e 200 mila kq. La popolazione, di più di 23 milioni e 190 mila persone, oltre che da mongoli, è costituita dalle etinie Han, mancese, Hui, coreana, Dahur, Evenk e Olunchu.

Le particolarità della Mongolia Interna

Il capoluogo è Hohhot. La Regione è una delle 5 grandi zone pastorizie del nostro paese, con oltre la metà del territorio costituito da praterie. Il bestiame è composto principalmente da pecore, capre, cavalli e bovini, nonché cammelli, questi ultimi soprattutto nell’ovest della Regione. Tra le colture agricole figurano frumento, miglio, sorgo, granturco, e patate, nonché barbabietole da zucchero, soia, girasoli, semi oleosi e altre colture industriali. La Mongolia interna è ricca di risorse minerarie ampiamente distribuite nella regione. Sono già accertati e in fase di estrazione più di 600 minerali ferrosi e non ferrosi. L’industria laniera, delle pelli e dei tappeti e altre industrie etniche locali si sono sviluppate rapidamente. I prodotti di lana del Guppo Erdos sono molto venduti all’interno del paese ed anche esportati all’estero. Il marchio Erdos è ormai molto famoso in Cina. La produzione di pelle di bue giallo della pelletteria di Hailar è sempre stata al primo posto nel paese.

Commenti