La provocazione di Cecilia Strada: "Cosa cambia se a sparare sono i buoni?"

Cecilia Strada (Emergency) posta su Facebook la foto di un bimbo di 8 anni rimasto vittima di un'esplosione. Ma è solo una facile provocazione

Il ragazzo nella foto ha solo otto anni. Cecilia Strada racconta di averlo conosciuto a Kabul, sempre che si possa "conoscere un bambino mummia". Il piccolo ha preso in mano un ordigno con ogni probabilità piazzato dai talebani. Quando è esploso, gli ha dilaniato il corpo. Nell'altra corsia c'è un suo coetaneo che aveva una pallottola in testa sparata dall'esercito afgano. E, nello stesso ospedale, ci sono pure le vittime delle bombe americane.

"Fa qualche differenza, quando sei un bambino mummia, chi ti ha sparato? - chiede la presidente di Emergency - muori di meno, se ti sparano 'i buoni'? Ti ricrescono le mani, se chi ti ha colpito era 'dalla parte giusta'? in guerra tutti i combattenti si sentono dalla parte giusta". La provocazione è stata lanciata dalla Strada su Facebook. Il post è stato corredato dal "bambino mummia" dilaniato dall'ordigno talebano. Una foto devastante che ha fatto subito il giro del social network diventando così virale e scatenando un'acceso dibattito. Perché quello che la numero uno di Emergency ha sollevato è un dramma che rischia di viziare il dibattito politico. Un po' come la foto di Aylan al Kurdi, il piccolo siriano affogato nel Mediterraneo. La sua morte non solo ha scosso le coscienze degli europei ma ha addirittura spinto i principali leader Ue a cambiare le proprie politiche migratorie. Così la foto scattata dalla Strada.

"Anche al di qua dell'oceano tutti si sentono dalla parte giusta, pronti a sparare giudizi, insinuare, giustificare - sentenzia la Strada alla fine della giornata, però, l'unica cosa che rimane di tutto questo mare di parole è lui e quelli come lui". Quindi, l'affondo rivolto all'Occidente: "Per quanto possiate imbrogliare con le parole, i distinguo e i 'purtroppo', rimane questa roba qua. Ha questa faccia qui. Togliete le bende, se avete coraggio. Dai suoi occhi e dai vostri, possibilmente". Tutto vero. Ma troppo semplice per fermare quell'odio che fa versare sangue tutti i giorni. Altrimenti, basterebbero le preghierine dei bimbi: "Fa' che non ci sia più la guerra nel mondo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gon73

Lun, 05/10/2015 - 18:05

Concordo pienamente... Tutto stupendamente umanitario, idealistico e anche un po' naif... ma di soluzioni concrete ai problemi non ne trovo però nelle parole della buona Cecilia.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 05/10/2015 - 18:08

Ipocrisia elevata a dogma di fede. I Strada e i loro sodali sono complici di ogni omicidio che un terrorista salvato da loro compie dopo il loro intervento. Il talebano, come ogni folle, è convinto di essere nel giusto ma SIAMO NOI a decidere che è un folle da fermare secondo le regole della CIVILTA' e del buonsenso. Un ragionamento così demenziale da pure ragione aduno stupratore dell'ISIS convinto che allah gli conceda il permesso di violentare bambine Jazide. Che si dovrebbe fare, secondo sti ideologhi, cedere ad ogni tipo di violenza senza reagire?

Non so

Lun, 05/10/2015 - 18:12

Cambia, cambia, ....

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Lun, 05/10/2015 - 18:25

Ci sono provocazioni facili e provocazioni balorde e di bassa lega culturale come quelle di Magdi Allam. Indini perchè Lei è così poco profondo nei suoi articoli? Così elementare, banale, tanto che un suo articolo esiste o non esiste cambia nulla.

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 05/10/2015 - 18:25

Cecilia Strada, hai mai detto qualcosa a difesa degli italiani morti ammazzati per mano di extracomunitari? Viene ad assistere malati italiani che, grazie a questo governo di m...a, dovranno pagare sempre di più una sanità che per i "tuoi" protetti, per i rom e per gli extracomunitari è gratis !!!!!

lento

Lun, 05/10/2015 - 18:50

Il bene e il male esistono da sempre....Io preferisco il bene....Ma.....

diwa130

Lun, 05/10/2015 - 18:55

Hai ragione cara Cecilia, non fa nessuna differenza. Ne' per la vittima ne' per il medico. Sarebbe bello "mettere dei fiori nei cannoni" e vivere in un mondo senza guerre, confini, religioni, etc. (Imagine, J.Lennon). Anzi bisogna sperare e lavorare per un mondo simile, ma nell'immediato che si fa? Se qualcuno ti viene a sgozzare, a torto o ragione, non ti difendi ? Non fai in modo che non torni piu'? E questo vale per tutti , per i "buoni" ed i "cattivi".

Giorgio5819

Lun, 05/10/2015 - 19:01

Provino i chiacchieroni strada a dedicarsi alle necessità dei malati italiani indigenti, in Italia c'è da fare, non c'è bisogno di andare in giro per il mondo a raccattare terroristi e fanatici vari che si massacrano a vicenda.

tzilighelta

Lun, 05/10/2015 - 19:04

Mario Galaverna, alias Gandalf il marrone, colore appropriato considerato le sfronzate che scrivi, nel tuo piccolo anche tu sei convinto di avere ragione, eppure con i tuoi interventi strampalati sembri un kamicazo pronto a esplodere, con le bombe sotto il mantello marrone, colore giusto per te!

Ritratto di cristiano74

cristiano74

Lun, 05/10/2015 - 19:11

Cambia molto: ci sarà pure una parte cattiva e l'altra buona, no? Oppure sono tutti indistintamente grigi come gli Strada & Co vogliono farci credere? Che qualunquismo!

marcomasiero

Lun, 05/10/2015 - 19:21

strada prila ringrazia Dio che ci sono i buoni a sparare

nalegior63

Lun, 05/10/2015 - 19:42

a si? allora che bisogno ce di schierarsi contro la destra e mangiare nello stesso piatto di dalema e vendola? facile parlare con la pancia piena e anche il portafoglio anzi il suo nn e parlare e sputare sugli italiani e difendere zingari e parassiti come la sua famiglia,fanno schifo IPOCRITI & PARASSITI

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 05/10/2015 - 20:12

Tzilighelta,mettiamola cosí, siccome trattasi di relativismo idiota dove tutti hanno ragione e nessuno ha torto, l'importante che il terrorista rattoppato dalla Strada venga ad ammazzare te, che lo capisci e non un'altra bambina perché va a scuola.

Ritratto di elio2

elio2

Lun, 05/10/2015 - 20:15

Se fosse intelligente non sarebbe comunista.

Aleramo

Lun, 05/10/2015 - 20:17

Certo che cambia. Se sparo a un gioielliere per rapinarlo è molto diverso che se sparo ad un rapinatore perché non mi derubi.

Ritratto di fortezza

fortezza

Lun, 05/10/2015 - 20:47

Chi lavora in zone di guerra conosce i rischi. Pretendere che i bombardamenti "amici" vadino solamente sulle teste dei "nemici" è ridicolo. Gli Strada con la loro ONG si stanno facendo i soldi (nessuno si mette i tali situazioni solamente per "amore") poi il dott. Strada spera che un giorno gli diano il Premio Nobel per la Pace. Lui non fa niente senza aver qualque interesse. E così anche le altre ONG dette umanitarie.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 05/10/2015 - 22:15

Continuo a ripetere che ci sono 4.000.000 che hanno bisogno!

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 05/10/2015 - 22:16

ho dimenticato ''...4.000.000 DI ITALIANI''

Edmond Dantes

Lun, 05/10/2015 - 23:23

Ogni guerra uccide anche degli innocenti. Solo la convinzione di combattere per difendersi dal fanatismo di religioni o ideologie disumane e illiberali può dare la forza di non cedere di fronte al sacrificio anche di innocenti. La signorina usa strumentalmente la disgrazia di questo piccolo nella speranza che l'emotività occidentale porti a deporre unilateralmente le armi, ben sapendo che non è nella "cultura" dei suoi beniamini islamici una tale possibilità. E' una tattica di promozione di un'opinione pubblica "pacifista" in campo avverso propria dei comunisti sin dai tempi di Stalin. Beh, purtroppo per lei non tutto l'Occidente intende arrendersi al fanatismo. Tra Islam e Occidente la signorina Strada è libera di scegliere il primo, ma ci risparmi appelli emotivi strumentali e indice della disonestà intellettuale della "cultura" comunista in cui si è formata..

internauta

Mar, 06/10/2015 - 00:28

Ovviamente voi di Emergency vi considerate gli unici buoni e gli altri, che fanno le guerre, li considerate tutti cattivi. Ma costoro hanno fatto una scelta e hanno messo in conto di morire (alcuni pensando di guadagnarsi il Paradiso) perché dunque, oltre ai civili, vi accanite a curare e salvare pure loro? Lasciateli morire o che si facciano curare dai loro compari cattivi che fanno le guerre. Solo perché ve lo impone la vostra deontologia, voi salvate uomini che fanno della guerra un valore più grande della vita umana. Siamo al paradosso, un cortocircuito del ragionamento che va riportato nell'ambito del razionale.

zucca100

Mar, 06/10/2015 - 00:41

Ma galaverna ti rendi conto di quello che scrivi?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 06/10/2015 - 01:39

Chi usa le immagini di bambini straziati dalla guerra per veicolare le proprie idee politiche È UN INDEGNO SCIACALLO. Le guerre sono atroci e nessuno si sogna di fare distinzioni tra armi amiche o nemiche quando uccidono. Solo delle persone immorali pretendono di fare i maestri pacifisti pretendendo di starsene al di fuori della mischia. CHI SI CREDONO QUESTI STRADA? DEGLI ESSERI CHE VIVONO SULLE NUVOLE E GUARDANO NOI MESCHINI CHE CI DIVERTIAMO A SCANNARCI SULLA TERRA?

vittoriomazzucato

Mar, 06/10/2015 - 08:16

Sono Luca. Gino Strada e la sua famiglia fondatori di Emergency si rendono "indispensabili" per loro uso e consumo. E basta!!! Se non ci fossero ci sarebbero altri che presterebbero cure mediche e "solo" cure mediche. GRAZIE.

Ritratto di Ragnal

Ragnal

Mar, 06/10/2015 - 08:38

Solo il fatto che la Strada abbia postato su Facebook e la foto sia diventata virale dimostra il vero obiettivo: tirar su soldi a palate!!! Quindi la moralità si risolve e si rivela per essere ne più e ne meno di quella affaristica e non certo quella umanitaria pretestuosamente e ipocritamente spacciata. Che poi da medici facciano il lavoro dei medici e siano a contatto con casi medici più o meno gravi e più o meno orrendi fa parte della professione che hanno scelto ... la loro retorica non mi scuote nemmeno un'unghia.

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Mar, 06/10/2015 - 09:50

tzilighelta quello non è Gandalf il marrone ma Ian Anderson(o chi per lui) sulla copertina di Aqualung dei Jethro Tull, pietra miliare della discografia prog.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mar, 06/10/2015 - 10:01

E gli sciacalli figli d’arte da che parte stanno?

Edmond Dantes

Mar, 06/10/2015 - 12:29

@luigipiso. Ma è sicuro di non essere proprio lei un articolo, purtroppo solo indeterminativo ?