Rihanna si piega ai musulmani: "Mi scuso per la canzone offensiva"

La cantante si è scusata sui social per aver impiegato una canzone nella sfilata di lingerie contenente alcuni versi di un hadith del Profeta: "Offensiva"

Rihanna si piega ai musulmani: "Mi scuso per la canzone offensiva"

Con l'Islam non si scherza. Lo sa bene la cantante Rihanna, che nelle scorse ore si è scusata sui social media per aver usato una canzone nella sfilata di lingerie contenente alcuni versi di un hadith del Profeta, facendo letteralmente infuriare gli islamici sui social. Nel suo spettacolo Savage X Fenty Volume 2, pubblicato su Amazon Prime la scorsa settimana, è stato utilizzato il brano Doom del produttore londinese Coucou Chloe, dove nei testi viene campionato di un hadith, recitato dal Mishary bin Rashid Alafasy. Come riporta Libero, gli hadith, come noto, sono dei precetti molto importanti per i musulmani, perché sono considerati dalla tradizione dei pronunciamenti diretti del Profeta. Il pezzo in questione, peraltro, si riferisce al Giorno del Giudizio e la fine dei tempi. Dunque, l'uso del brano in un contesto frivolo di questo tipo, unito all'utilizzo di un testo sacro, ha scatenato la furia di molti utenti musulmani che si sono riversati sui social accusando Rihanna di non aver avuto sensibilità e attenzione per il mondo dell'Islam.

In un post pubblicato su Instagram, Rihanna ha voluto scusarsi pubblicamente: "Vorrei ringraziare la comunità musulmana per aver segnalato un’enorme svista che è stata involontariamente offensiva nel nostro Savage X Fenty Show; ancora più importante, vorrei scusarmi con voi per questo errore onesto ma imprudente". Comprendiamo, prosegue, di "aver ferito molti dei nostri fratelli e sorelle musulmani e ne sono incredibilmente sconfortata! Non suono con nessun tipo di mancanza di rispetto verso Dio o verso qualsiasi religione e quindi l’uso della canzone nel nostro progetto è stato del tutto irresponsabile". Anche Coucou Clhoe ha dovuto scusarsi: "Voglio scusarmi profondamente per l’offesa causata dai campioni vocali utilizzati nella mia canzone Doom. La canzone è stata creata utilizzando campioni di tracce Baile Funk che ho trovato online. All’epoca, non ero a conoscenza che questi campioni usassero testo da un hadith musulmano. Mi assumo la piena responsabilità del fatto che non ho ricercato correttamente queste parole e voglio ringraziare quelli di voi che hanno avuto il tempo di spiegarmelo; abbiamo rimosso la canzone da tutte le piattaforme di streaming".

Curioso notare come nel mondo dello show business ogni provocazione estrema - anche blasfema - sia lecita purché non offenda l'islam. Ogni limite può essere superato, nel nome di qulsiasi causa cara a qualche superstar, purché non si tocchi il Profeta. Chiamasi nientemeno che "sottomissione".